facebooktwitter

nonsolocontro2017

2773785 Visualizzazioni

Consigliere Iaria convegno monitoraggio ponti Politecnico 11 06 2019 1 2

 

 Organizzato al Politecnico da Siscon e Ordine Ingegneri

Corretto monitoraggio, manutenzione puntuale e tecnici preparati per evitare quanto accaduto a Genova

Ingegneri progettisti e ingegneri incaricati della direzione dei lavori. Esperti di infrastrutture stradali e ferroviarie e amministratori locali. Tutti a confronto sul monitoraggio e la diagnostica strutturale dei ponti, al  Politecnico che ha ospitato un convegno su di un tema molto sentito dall’opinione pubblica: la sicurezza delle infrastrutture stradali e le garanzie che un adeguato monitoraggio di queste infrastrutture può offrire all’utenza e agli Enti proprietari delle strade.

L’iniziativa del Centro Interdipartimentale per la Sicurezza di Infrastrutture e Costruzioni SISCON e dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Torino è stata patrocinata dalla Città Metropolitana

“Il nostro Ente di area vasta – ha spiegato il consigliere delegato ai lavori pubblici e infrastrutture, Antonino Iaria - non è certamente all’anno zero in tema di monitoraggio dei ponti. Un centinaio dei mille ponti che sono presenti negli oltre 3mila  Km della rete stradale di nostra competenza ha una luce superiore ai 90 metri. Stiamo investendo risorse nella progettazione di nuove opere e nella diagnosi visiva e strumentale delle infrastrutture esistenti, utilizzando anche nuove tecnologie come i droni e sulla professionalità dei nostri tecnici, con corsi di formazione e momenti di approfondimento. Con il Politecnico abbiamo in corso di attuazione un protocollo d’intesa per la valutazione statica e sismica di manufatti realizzati alcuni decenni orsono, come il cavalcavia di corso Grosseto a Torino”.

La giornata di studio e approfondimento tecnico è stata organizzata per porre a confronto le esperienze americane e italiane in tema di procedimenti operativi per il controllo e la diagnostica delle opere d’arte. La riflessione si è soffermata su come si è operato sinora e su come procedere in futuro, riqualificando e valorizzando le competenze tecniche di diversi soggetti professionali e istituzionali e facendole dialogare sempre più tra di loro.

È un tema che interessa soprattutto le pubbliche amministrazioni che realizzano e gestiscono opere infrastrutturali e hanno la responsabilità della qualità della progettazione ed esecuzione dei lavori, del monitoraggio, della manutenzione delle opere esistenti e del loro miglioramento dal punto di vista statico e sismico.

“Un corretto monitoraggio può allungare la vita – ha sottolineato Francesco Bellino del Politecnico - perché la manutenzione ordinaria non è sufficiente a rallentare il degrado delle infrastrutture. Occorre investire nella formazione e nell’aggiornamento dei tecnici, perché non basta posizionare sensori sui ponti: occorre sapere dove e come usarli e come elaborare ed interpretare i dati raccolti”.  Per evitare un altro disastro come quello del ponte Morandi di Genova, serve monitoraggio, manutenzione e tecnici competenti".


Cerca nel giornale

clicca e vedi:OTTICA ROBBIANO

FACEBOOK

pubblicita robbiano

 

SPORT

Image Lunedì, 28 Ottobre 2019
ASD Mappano perde contro il Caprie

Gli esperti

Image Lunedì, 11 Novembre 2019
Traumi nei nostri amici a quattro zampe

SCIENZA

COLLEZIONISMO

Più letti

Domenica, 09 Giugno 2019
Leini, Incidente nella notte
Domenica, 09 Giugno 2019
Comunali: tutti i candidati
Sabato, 27 Luglio 2019
Tromba d'aria su Borgaro e Mappano
Mercoledì, 18 Settembre 2019
Torino, aggredito autista Sadem

Video del giorno

prova

There is no gallery selected or the gallery was deleted.

A CURA DI:

  • parole musica aParole & Musica onlus

  • Periodico fondato da Parole e Musica nel 1995
    Registrazione:
    n. 4839 del 18/01/1995 rilasciata dal Tribunale di Torino.
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: 339 7348994 o 393 5542895

  •  Il tuo 5 per mille a Parole & Musica onlus
  • biglietto 5 per mille2
  • Per destinare il 5 per mille a Parole & Musica onlus è sufficiente indicare il codice fiscale 92017360014 e apporre la firma nell'apposito riquadro del 730, CUD o modello unico.