facebooktwitter

nonsolocontro2017

6081426 Visualizzazioni

IMG 1114 FILEminimizer

 

 Hanno riconvertito le linee di produzione

Realizzano più di mille pezzi al giorno di schermi protettivi per il viso. Molto richiesti negli ospedali

Davide Aimonetto

Alcune eccellenze di Mappano, nel campo tecnologico ed industriale, hanno scelto di riconvertire le proprie linee di lavorazione, per produrre presidi sanitari, in particolare schermi protettivi per il viso, in questo momento molto ricercati da medici, strutture ospedaliere, case di cura. E’ successo alla Alfaplex di Fabio ed Alessia Barbaro, trentennale realtà imprenditoriale che lavora il plexiglas in tutte le sue forme, in collaborazione con l’Officina Mantino, che si occupa di costruzioni metalliche.

Tutto, come spesso accade nasce da una intuizione, come spiega Michele Mantino

“La mia azienda come molte altre è chiusa. Operai in cassa integrazione, una difficile realtà da gestire – commenta Mantino – mi sono chiesto ed ho chiesto agli amici della Alfaplex se, con i nostri mezzi, ed il nostro bagaglio tecnologico, potevamo produrre qualcosa di utile per contrastare il Covid 19. Ed in questo momento cos’è più necessario di mascherine ed efficaci presidi di protezione?”.

maschere1

Così scartata l’ipotesi di produrre mascherine igienico-sanitarie, non avendo i macchinari adatti per realizzarle, nasce l’idea, discussa con Fabio ed Alessia Barbaro di realizzare schermi protettivi per il viso.

Del resto la Alfaplex ha una lunga e collaudata esperienza nel campo della lavorazione del plexiglas: produce già per ditte, uffici e supermercati quelle barriere in plexiglas trasparenti, che impediscono il contatto diretto fra persone, mantenendo sicurezza ed igiene.

Si inizia, come sempre con un prototipo, che come tutti i prototipi sappia rispondere alle richieste di sicurezza, facile manovrabilità, ed accessibile a tutti, in termini di costi e materiali.

maschere2

Nascono così le prime maschere PETG, materiale resistente agli urti, atossico e completamente riciclabile. Sono lavabili con qualsiasi tipo di detergente e/o disinfettante e, per un maggiore confort, hanno chiusura in velcro e visiera regolabili.

“Siamo in grado di produrne 1000-1100 pezzi al giorno – osserva Fabio Barbaro – ed in pochi giorni dalla produzione avviata, abbiamo già avuto richieste dagli ospedali del Bresciano, case di cura, Protezione Civile, farmacie, studi medici, privati, onlus. Semplicemente con il passaparola della rete”.

E, a differenza di altri presidi sanitari in circolazione, la garanzia sul prodotto è totale, grazie ad una serie di certificazioni che nel tempo la Alfaplex ha conseguito nel settore della lavorazione di materie plastiche come il metacrilato, il policarbonato, PVC  e simili.

maschere3

“La progettazione ha tenuto conto della possibilità di una completa igienizzazione del prodotto – specifica Alessia Barbaro - la fascia che poggia sulla fronte non è rivestita di alcun tessuto, in modo da non rimanere umida a contatto con la pelle, in caso di sudorazione per uso prolungato, ed a seguito di lavaggio disinfettante. Inoltre, le maschere possono essere lavate con acqua e detergente e non subiscono modifiche a seguito di trattamenti con soluzioni contenenti agenti chimici. La visiera è regolabile, così come il cinturino realizzato in velcro. Per il fissaggio della visiera abbiamo scelto di non utilizzare inserti in plastica per escludere l’ipotesi di eventuale rottura. Abbiamo quindi optato per rivetti metallici che assicurano solidità ma anche scorrevolezza. Abbiamo previsto la realizzazione dello stesso schermo con una variante – conclude la Barbaro - una aletta nella parte superiore, per garantire un maggior riparo. Produciamo entrambi i modelli e, al momento, possiamo assicurare buone disponibilità in tempi molto brevi, e stiamo facendo del nostro meglio per garantire consegne rapide e la massima disponibilità di pezzi”.

Questa riconversione ha inoltre permesso di non lasciare a casa gli operai della ditta. Per ulteriori informazioni contattare la pagina Fb Alfaplex oppure telefonare a Fabio Barbaro 3492967105.

 

 

sostienicinew4


Cerca nel giornale

Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

 donazione nonsolocontro

 

 

SPORT

Image Venerdì, 23 Ottobre 2020
La "perla nera" Pelè compie ottant'anni

Gli esperti

SCIENZA

Image Venerdì, 23 Ottobre 2020
Microsoft manda in orbita la connessione

COLLEZIONISMO

 

prova

There is no gallery selected or the gallery was deleted.

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com