facebooktwitter

nonsolocontro2017

7329809 Visualizzazioni

coronavirus 25 1

 E' il risultato del Report 36-settimana 11-17 gennaio

Cirio: «I sacrifici dei piemontesi stanno dando i loro frutti, ma continuiamo con attenzione e prudenza massima»

na.ber.

Covid 19: dati in miglioramento in Piemonte. Nella settimana 11-17 gennaio è stata registrata una riduzione dell’incidenza delle diagnosi rispetto alla settimana precedente. I nuovi casi segnalati all’ISS sono stati 5.178 (-24% rispetto alla settimana 4-10 gennaio), pari a un’incidenza di 119 per 100mila abitanti, di cui il 40%  asintomatico. 

Si riduce anche il numero di ultraottantenni sul totale dei casi dal 13% al 10%. L’Rt puntuale (dalla data di inizio sintomi) cala rispetto alla settimana scorsa passando da 1.14 a 1.04 e quello medio (basato sulla curva degli ultimi 15 giorni) passa da 1.09 a 1.05. In riduzione anche il numero dei focolai attivi, sia i nuovi che quelli dei casi non collegati a catene di trasmissione note ricostruiti dall’attività di contact tracing dei SISP. Passa da 12.7% a 8.8%, la quota di tamponi positivi sul totale dei tamponi effettuati sia per il setting territoriale sia per quello ospedaliero.

Resta, però, purtroppo ancora alta la pressione sui servizi ospedalieri: sotto soglia (30%) e stabile al 27% il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva; mentre diminuisce ulteriormente quello dei posti letto in area medica (43%, era 46% la settimana precedente) restando però ancora oltre soglia (40%).

«Nel report del Ministero il Piemonte migliora tutti i suoi parametri sanitari - commenta il presidente della Regione, Alberto Cirio -. Scende l’Rt, calano focolai ed incidenza e continua a ridursi anche la pressione ospedaliera, che resta però ancora alta. I sacrifici dei piemontesi stanno dando i loro frutti, ma continuiamo con attenzione e prudenza massima».

Viene, però confermato il secondo caso di variante inglese in Piemonte. E' la conferma del caso sospetto, identificato nel cuneese, che era emerso a metà gennaio, quando era stato  isolato il primo caso confermato nel vercellese, che è arrivata oggi dal team di ricerca del laboratorio di Genetica dell’Istituto Zooprofilattico sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Variante  isolata in un paziente rientrato in Italia dal Regno Unito.


Cerca nel giornale

VEDI E CLICCA SUL BANNER

Moz Autentica definitivo o Italia

 

 

 


PER MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA SULL'IMMAGINE 

Uscire dal silenzio giusto


 

Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

 donazione nonsolocontro

 

 

SPORT

Gli esperti

Image Mercoledì, 24 Febbraio 2021
L'osso di pelle per cani: pericoloso e tossico

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

prova

There is no gallery selected or the gallery was deleted.

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com