facebooktwitter

nonsolocontro2017

7670331 Visualizzazioni

nucleare scorie

 Grazie ad un emendamento presentato da Molinari

Esulta Città Metropolitana che nei giorni scorsi si era vista rifiutare la proproga da Sogin

na.ber.

Questa volta gli Enti Locali l'hanno spuntata. Dopo il rifiuto di Sogin alla Città Metropolitana di Torino che aveva rischiesto più tempo per le osservazioni da presentare sui i siti potenzialmente idonei ad ospitare il Deposito Nazionale di scorie nucleari, la situazione l'ha risolta l'onorevole piemontese della Lega, Riccardo Molinari presentando un emedamento al Dl Milleproroghe, alla Camera, che ora assegna 180 giorni per la valutazione e le osservazioni.

 

«Grazie al nostro emendamento - esulta Molinari - Comuni, Regioni e soggetti portatori di interesse avranno a disposizione non più 60, ma 180 giorni per esprimere le loro osservazioni in merito alla disponibilità e idoneità dei territori ad ospitare il Deposito nazionale per le scorie radioattive. Più tempo significa per gli Enti Locali aver modo di consultare ampiamente le comunità di riferimento, da cui in queste settimane sono già emerse forti criticità e preoccupazioni. Solo attraverso un’analisi dettagliata dei dati, e dopo un confronto aperto con chi vive nelle zone indicate dalla Cnapi (Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee), sarà possibile per Comuni e Regioni esprimere il proprio parere in maniera fondata e argomentata».

Riccardo Molinari

E aggiunge:

«In Piemonte, in particolare, sono state individuate aree, in provincia di Torino e soprattutto nell’alessandrino, che mostrano forti controindicazioni, perché densamente popolate, e limitrofe ad attività economiche, soprattutto di tipo agricolo ed enogastronomico, di assoluto pregio. Pensiamo in particolare al sito Unesco Langhe Monferrato Roero, e ad aree con vocazione agricola di pregio come le Terre dell’Erbaluce e la pianura alessandrina.  E’ quindi assolutamente positivo che si apra un percorso di adeguata analisi, per fornire alla popolazione ampie garanzie in termini di sicurezza, e per dare garanzie agli enti territoriali sulle effettive compensazioni economiche e di riequilibrio ambientale e territoriale».

Soddisfatta anche la Città Metropolitana di Torino per il risultato raggiunto.

«I 180 giorni di tempo ottenuti per presentare le osservazioni alla Carta di Sogin - commenta il vicesindaco metropolitano, Marco Marocco - che individua i siti potenzialmente idonei all'insediamento del deposito unico nazionale per le scorie nucleari sono un primo, importante risultato: ringrazio i parlamentari piemontesi che si sono fatti carico di questo impegno facendo approvare l'emendamento alla Camera. Stiamo già ricevendo dai Comuni delle zone potenzialmente coinvolte (Carmagnola, Mazzè, Caluso, Rondissone) molto materiale a sostegno della non idoneità dei siti indicati da Sogin. Tutti si sono attrezzati tecnicamente per questa battaglia a favore di un territorio agricolo e naturale da tutelare. Avere più tempo per le osservazioni era fondamentale, così come modificare le procedure introdotte da Sogin. Il nostro impegno a fianco dei Comuni continua»

 


Cerca nel giornale

CLICCA SUL BANNER PER CONOSCERE TUTTI I SERVIZI

lifeMind cartolina mappano

 

 

CLICCA SUL BANNER PER SAPERNE DI PIU'

Mappano traslochi


VEDI E CLICCA SUL BANNER

LaBaita aprile 2021


 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA SULL'IMMAGINE 

Uscire dal silenzio giusto


 

Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

 donazione nonsolocontro

 

 

Gli esperti

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

prova

There is no gallery selected or the gallery was deleted.

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com