facebooktwitter

nonsolocontro2017

5298435 Visualizzazioni

carcere le vallette

 

 Tra gli indagati anche il direttore

Avrebbe "coperto" minacce, violenze e perfino torture. Venticinque i denunciati

Fabio Farag

Detenuti costretti a stare in piedi per più di mezz’ora a ripetere «sono un pezzo di merda», pestaggi regolari, schiaffi dati coi guanti per non lasciare segni, minacce e violenza psicologica.

Sembra il racconto di un carcere sud americano, invece, secondo gli inquirenti è quanto avvenuto regolarmente dentro le mura del reparto de Le Vallette, dove sono detenuti i condannati per violenza sessuale e pedofilia.

L’inchiesta, coordinata dal pm Francesco Pelosi, iniziata un anno fa per un esposto del Garante nazionale dei detenuti, Mario Palma, si è conclusa il 21 luglio con 25 denunciati, di cui 21 poliziotti accusati del reato di lesioni e tortura. Dovranno rispondere del reato di omessa denuncia e favoreggiamento, il direttore della casa circondariale “Lorusso e Cutugno”, Domenico Minervini e il capo delle guardie, Giovanni Battista Alberotanza. Quest’ultimo, avrebbe aiutato alcuni indagati, "eludendo le investigazioni, omettendo di denunciare i pestaggi e denunciando due detenuti che avevano sporto denuncia”. Il direttore, dopo essere stato avvisato dalla Garante dei detenuti torinese, Monica Gallo, avrebbe omesso di denunciare gli episodi di violenza e vessazioni all’autorità giudiziaria.

carcere vallette 1

 Nelle carte, la Procura descrive quanto emerso come una serie di "condotte che comportavano un trattamento inumano e degradante per la dignità della persona detenuta".

Gli agenti indagati, avrebbero minacciato e pestato regolarmente i detenuti più fragili, alcuni dei quali mostravano anche qualche scompenso psichico:

«te la faremo pagare, pedofilo pezzo di merda, ti faremo passare la voglia», queste, alcune delle minacce utilizzate dalle guardie.

Un detenuto inoltre, è stato colpito con calci alle gambe e ai fianchi per aver chiesto aiuto nella propria cella che stava prendendo fuoco, «l’hai appiccato tu» la risposta delle guardie. Un altro, che aveva denunciato i pestaggi subiti, i poliziotti gli intimarono di ritirare la denuncia:

«Ora scrivi alla Procura che ti sei inventato tutto»


Cerca nel giornale

SPORT

Gli esperti

Image Giovedì, 30 Luglio 2020
I gatti da Guinness dei Primati

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com