facebooktwitter

nonsolocontro2017

7033274 Visualizzazioni

20 novembre la giornata mondiale dei diritti dei bambini

 Oggi inedita Giornata Mondiale dei diritti dell'infanzia

Quest’anno, infatti, più di un diritto si è dovuto adeguare in virtù dei cambiamenti che l’emergenza sanitaria ha comportato

Simona Destino

L’Assemblea delle Nazioni Unite ha approvato la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza esattamente 31 anni fa, il 20 novembre 1989, delineando quattro principi fondamentali: la non discriminazione relativa alla razza, al sesso, alla lingua, alla religione e all’opinione del bambino e dell’adolescente o dei genitori, un superiore interesse in cui il bambino o adolescente deve avere la priorità, il diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo, e l’ascolto delle opinioni del minore.

diritti infanzia

Si può apprendere a malincuore dal sito dell’UNICEFF (https://www.unicef.it/doc/2749/poverta-dei-bambini.htm)  che «L'Italia è tra i paesi con il tasso di povertà infantile più elevato: il 17% della popolazione minorile, pari a 1.750.000 minori, vive sotto la soglia di povertà» inoltre il nostro Paese «compare al 23esimo posto (su 29) nell'area OCSE per quanto riguarda il benessere materiale, al 17esimo per salute e sicurezza dei bambini, al 25esimo per l'istruzione e al 21esimo per le condizioni abitative e ambientali. Ancora più preoccupante è il dato che ci vede al secondo peggior posto - dopo la Spagna - per il tasso NEET, che misura la percentuale di giovani che non studiano, non lavorano e non frequentano corsi di formazione».

diritti infanzia1

Dati a dir poco sconcertanti per un paese come l’Italia, in cui siamo abituati a vedere bambini con smartphone e tablet in mano che guardano i cartoni animati o giocano con le app scaricate dai genitori. Ma è ora di prendere coscienza che non esiste solo la realtà che conosciamo, anzi, la realtà è proprio quella che rimane più velata ai nostri occhi.

Il Covid-19, tra tutti gli ovvi danni che ha provocato, ha però permesso di portare alla luce un altro lato della realtà, per molti ancora invisibile: il “digital divide”.

Per chi non ne ha mai sentito parlare, queste due parole indicano il divario che si crea tra chi ha la possibilità di accedere alle tecnologie dell’informazione e chi no.

diritti infanzia2

In un periodo storico come il nostro, dove abbiamo imparato ad inserire nel nostro vocabolario la “didattica a distanza” è evidente che ci sono ancora delle grandi lacune che non garantiscono le stesse opportunità alle giovani menti: quante famiglie possono permettersi la connessione internet fissa a casa? Chi può permettersi un computer (o addirittura più di uno) per consentire ai propri figli di usufruire della didattica online che ad oggi è praticamente obbligatoria?

In questa giornata dedicata ad adolescenti e bambini, come augurio di compleanno vogliamo sperare che si possa davvero fare di meglio e di più, proprio per tutti coloro che ancora non hanno modo di vivere a pieni diritti!  


Cerca nel giornale

 Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro

SCIENZA

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com