facebooktwitter

nonsolocontro2017

8731585 Visualizzazioni

UNC viaggi estero documenti

Una situazione che mette a rischio la ripartenza del turismo

 La variante Delta preoccupa gli italiani

 Secondo il report della Fiavet a disdire sarebbe già il 50%, mentre quasi un altro 50% ha rinunciato alle ferie per problemi economici

na.ber.

Non c'è dubbio. la variante Delta del Covid 19 preoccupa e non poco gli italiani. E ancor più preoccupano le restrizioni che i diversi Paesi stanno tornando a mettere in atto.

Risultato? Secondo il report della FiavetFederazione italiana associazioni imprese viaggi e turismo - a lunedì 12 luglio era già stato registrato un crollo delle prenotazioni e un boom di disdette, pari a circa il 50%. Una situazione che mette a serio rischio la ripartenza del turismo.

Anche le indicazioni arrivate dalla Farnesina non hanno fatto che alimentare timori e di conseguenza disdette, perchè diciamocelo l'idea di doversi fare la quarantena in una località molto lontana da casa, non sorride proprio a nessuno.

«Già negli ultimi giorni – spiega la presidente di Fiavet, Ivana Jelinic – abbiamo registrato un crollo della domanda e le persone hanno deciso di non confermare e di aspettare, quindi fino a lunedì 12 luglio, già di un 50% di richieste in meno sia per l’Italia che per l’estero. Questo coadiuvato da un insorgere di domande di annullamento perché qualcuno, colto dai timori, ha preferito addirittura cancellare, perfino per le settimane di agosto. Sarà un’estate last minute, in cui in base alla situazione si decide. Per chi non è già partito e non ha una partenza imminente nei prossimi giorni, questo è il momento di decidere. Non ci sono più le prenotazioni anticipate, come succedeva in passato, ci si riduce all’ultimo minuto e le ipotesi di far ritornare in giallo alcune regioni sta spaventando le persone che preferiscono rinunciare alle ferie».

holidays 5144859 960 720 Il mare è la meta preferita 

Un altro quasi 50% di italiani, invece, alle vacanza ha proprio rinunciato per problemi economici. A dimostrarlo è il report di Demoskopika, pubblicato dall'Ansa. Secondo il documento,il 46% degli italiani ha deciso di non allontanarsi dalla propria città.

La ricerca di Demoskopika ha anche creato l'identikit dei vacanzieri: la maggior parte sono giovani, hanno un titolo di studio medio-alto e si trovano in una condizione di lavoro dipendente piuttosto che autonomo. La meta preferita continua ad essere il mare (58%), mentre la montagna è scelta dal 15%, le città d’arte e dei borghi dal 10% e campagna e agriturismo appena dal 8%

«Le difficoltà economiche pesano più della paura del Covid-19 - commenta Raffaele Rio, presidente di Demoskopika - nei consumi turistici degli italiani. Adesso è il momento delle decisioni politiche più consapevoli».

Credits: www.consumatori.it - www.pixabay.com 

Domus 2021

 



Cerca nel giornale

CLICCA SULL'IMMAGINE E SCOPRI 

banner valgiò        


 

Nonsolocontroxmille 1

Gli esperti

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com