facebooktwitter

nonsolocontro2017

10273805 Visualizzazioni

gravidanza vaccino

 Un quesito che sta assillando molte donne

«Non si dispone di dati di sicurezza ed efficacia relativi a queste persone. La scelta deve essere fatta caso per caso.»

Stefano Dinatale

È una delle domande più frequenti e che sicuramente merita un breve approfondimento: ci si può vaccinare in gravidanza o allattamento? 

Sulla base dei dati forniti dalla letteratura internazionale e delle indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), condivise e sottoscritte dalle principali società scientifiche del settore, il vaccino anti SARS CoV 2 non è ad oggi raccomandato di routine nelle donne in gravidanza e allattamento. Negli studi di valutazione dei vaccini Pfizer e Moderna, cioè i due attualmente disponibili in Italia, non sono state infatti incluse donne in gravidanza o in allattamento per cui non si dispone di dati di sicurezza ed efficacia relativi a queste persone.

Analizzando tuttavia gli studi condotti finora non sono stati evidenziati meccanismi biologici che possano associare i vaccini a mRNA ad effetti avversi in gravidanza ed inoltre le evidenze di laboratorio su animali suggeriscono l'assenza di rischio da vaccinazione.

Ad oggi le donne in gravidanza e allattamento non sono pertanto considerate un target prioritario dell'offerta di vaccinazione contro il COVID-19. Non si parla quindi di controindicazione assoluta, piuttosto la vaccinazione dovrebbe essere presa in considerazione per le donne che sono ad alto rischio di complicazioni gravi da COVID19. Le donne in queste condizioni devono valutare, con i sanitari che le assistono, i potenziali benefici e rischi e la scelta deve essere fatta caso per caso.

Se una donna vaccinata scopre di essere in gravidanza subito dopo la vaccinazione, non c'è alcuna evidenza in favore dell'interruzione della gravidanza.

Se una donna scopre di essere in gravidanza tra la prima e la seconda dose del vaccino può rimandare la seconda dose dopo la conclusione della gravidanza, eccezion fatta per i soggetti ad altro rischio appunto.

Le donne che allattano possono essere incluse nell'offerta vaccinale senza necessità di interrompere l’allattamento, quindi alla lettrice farmacista, alla luce del suo elevato rischio di infezione correlato alla sua professione, ed alla luce delle evidenze scientifiche suddette, il vaccino è indicato ed utile.


Cerca nel giornale

NSC Pubblicità Benessere e Salute

banner farmacia

 

 


 

 


Nonsolocontroxmille 1

Gli esperti

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com