facebooktwitter

nonsolocontro2017

9516641 Visualizzazioni

caffe1

 Può ostacolare concepimento e gravidanza

Berne troppo provoca agitazione, nervosismo, ansia e palpitazione cardiache 

Paolo Maria Salzotto

Dopo aver visto, la scorsa settimana, gli effetti benefici del caffè, passiamo alle sue controindicazioni e agli effetti collaterali. 

Il consumo di caffè ha anche aspetti negativi e alcune persone particolarmente sensibili alla caffeina ne sono sovrastimolate persino da dosi minime. 

Quelle che seguono sono le principali condizioni di salute che consigliano un uso saltuario di caffè. 

Il caffè accentua l’ansia e peggiora l’insonnia

Non è una suggestione, né un luogo comune: troppo caffè provoca agitazione, nervosismo, ansia, palpitazioni cardiache ed è in grado persino di aggravare gli attacchi di panico. 

La caffeina ha una documentata azione di disturbo del sonno. Chi ha problemi di insonnia dovrebbe consumare il caffè nella prima parte della giornata, e comunque non oltre le 17, dal momento che la caffeina può peggiorare qualità e durata del riposo anche se assunta diverse ore prima di coricarsi. 

Il caffè peggiora gastrite e reflusso

Le persone che soffrono di gastrite, reflusso gastroesofageo, esofagite e ulcera gastrica o duodenale dovrebbero eliminare il caffè, che peggiora i sintomi a causa dell'azione irritativa della caffeina sulla mucosa dello stomaco per incremento della secrezione gastrica acida. 

Il caffè può alzare il colesterolo

Il caffè contiene sostanze (caveolo e cafestolo) che alterano il profilo lipidico, aumentando i valori del colesterolo totale e del colesterolo cattivo Ldl. Tuttavia l'innalzamento del colesterolo, contrario agli effetti protettivi sul cuore e sui vasi sanguigni, secondo alcuni studi è bilanciato dalle proprietà antiaterogeniche del caffè, cioè dalla capacità di contrastare la formazione di placche di grasso e depositi fibrosi nelle arterie, grazie a una migliore attività del colesterolo buono Hdl.

chicchi di caffe

Il caffè può ostacolare concepimento e gravidanza 

Un elevato consumo di caffeina negli stadi iniziali della gravidanza (I trimestre) è associato a un certo aumento del rischio di aborto spontaneo. Anche le donne che stanno progettando una gravidanza, per incrementare le possibilità di rimanere incinte, dovrebbero prestare qualche attenzione: esistono prove, anche se non certe, che legano consumo di caffè e difficoltà di concepimento. Sembra infatti che la caffeina attenui le contrazioni delle tube di Falloppio grazie alle quali l'ovulo fecondato migra verso l'utero per attecchirvi e svilupparsi in embrione. Per le donne poco fertili che faticano a restare incinte potrebbe essere precauzionalmente opportuno evitare il consumo di caffè, o comunque contenerlo. A chi cerca un bimbo consiglio, quindi, di preferire i surrogati del caffè.

Quanti caffè al giorno

Quattro tazzine di caffè al giorno rappresentano la quota ottimale individuata dagli studi per ottenere i benefici per la salute che ho esposto. Nel contempo, questo quantitativo non supera la soglia limite di assunzione di caffeina, oltre la quale si potrebbero manifestare effetti collaterali. Tale soglia, per gli adulti sani, è di 400 milligrammi al giorno, valore che si abbassa a 200 milligrammi per le donne in gravidanza o che allattano. 

Per fare i conti, preciso che una tazzina di caffè espresso contiene circa 80 milligrammi di caffeina, il caffè della moka ne ha un po’ di più, circa 100 milligrammi, e il caffè americano ancora di più (perché di questo ultimo ne viene consumato una quantità maggiore). Questi valori sono molto approssimativi, perché la quantità in caffeina varia molto a seconda di come viene preparato (nel caffè espresso lungo, la quota di caffeina è maggiore), della macinatura (il caffè macinato fine ha più caffeina, perché l'acqua calda attraversa lentamente la miscela ed il contatto tra il liquido ed caffè è più prolungato). 

Va anche ricordato che, per non superare il limite giornaliero di assunzione, nel computo vanno contate tutte le altre fonti dietetiche di caffeina: coca cola, tè, energy drink e cioccolato.

caffe americano

Anche la miscela è importante: la qualità Arabica ha sapore più tondo e meno caffeina mentre la qualità Robusta è più intensa ed ha più caffeina

Conclusioni

Il caffè è una bevanda che, usata con buon senso, non solo non è pericolosa, ma ha grandi pregi. Grazie ai suoi composti antiossidanti e al contributo che offre nella riduzione del rischio di patologie anche importanti, il caffè è probabilmente una delle bevande più sane in assoluto. A parte qualche eccezione, non c'è ragione per privarsi del proprio caffè preferito, che sia l'espresso del bar, il vecchio caffè della moka o il caffè americano (per me è acqua sporca, ma de gustibus…).


Cerca nel giornale

banner farmacia

 

 


 

 


Nonsolocontroxmille 1

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com