facebooktwitter

nonsolocontro2017

9828879 Visualizzazioni

acari della polvere

 E' un'eccessiva risposta del sistema immunitario

In presenza dei sintomi tipici delle allergie come la rinite, è bene consultare il medico

Stefano Dinatale

L’allergia agli acari della polvere è dovuta ad una eccessiva risposta del sistema immunitario verso dei piccoli artropodi che si trovano con facilità all’interno delle case. Tre su 4 allergie respiratorie sono dovute proprio agli acari della polvere con sintomi che possono manifestarsi in tutte le stagioni: rinite, congiuntivite, tosse, prurito ed eczema tra i principali.

Per trattare tale allergia, il primo approccio consiste nel ridurre al minimo, se possibile, l’esposizione alla causa scatenante. In presenza di sintomi, è necessario iniziare, solo dopo prescrizione medica, un trattamento farmacologico con antistaminici, cortisonici o, in casi selezionati, con antileucotrienici.

Esiste però anche una terapia desensibilizzante tramite l’ImmunoTerapia Specifica - ITS, più nota come “vaccino antiallergico”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità la riconosce come un trattamento che può “portare alla guarigione dell'allergia e cambiare la qualità di vita del paziente”.

Tale terapia prevede la somministrazione di dosi piccole e crescenti dell’allergene, cioè di colui che causa l’allergia.

allergia acari

Esistono due differenti modalità di somministrazione.

La via sublimguale, assunto regolarmente all'inizio tutti i giorni e successivamente 3 volte a settimana per almeno 3 anni, e la via sottocutanea (iniettiva) in cui gli allergeni vengono iniettati dal Medico a dose crescente, fino a raggiungere la dose massima, a cadenza settimanale per 6-8 settimane. Successivamente viene effettuato il mantenimento a cadenza mensile per almeno 3 anni.
L’ITS è indicata generalmente nel soggetto con asma lieve o moderata, che abbia compiuto almeno 5 anni, e con l’obiettivo di ridurre i sintomi, il consumo di farmaci e per migliorare la storia naturale della malattia.

Tale desensibilizzazione provoca raramente effetti collaterali: lievi reazioni locali (prurito o ponfo) nel sito di iniezione o occasionali formicolii in bocca in caso di assunzione sublinguale.

Prima di approcciarsi a tale terapia è fondamentale rivolgersi al proprio Medico di Famiglia/Pediatra e ad un Medico Allergologo per valutarne l’efficacia in base alla propria storia anamnestica.


Cerca nel giornale

NSC Pubblicità Benessere e Salute

banner farmacia

 

 


 

 


Nonsolocontroxmille 1

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com