facebooktwitter

nonsolocontro2017

10257474 Visualizzazioni

 

obesità infantile

 un bambino grasso, sarà un adulto grasso. E malato

 Ne soffre un ragazzo su tre dai 6 ai 14 anni

Per combatterla serve uno stile di vita sano e un'alimentazione corretta fin dai primissimi anni di vita

Paolo Maria Salzotto

Coching Nutrizionale

salzotto

In Italia il sovrappeso infantile ha raggiunto livelli allarmanti. Va cambiata strada, perché un bambino grasso sarà un adulto grasso. E probabilmente malato.⁣      

Il problema⁣

I bambini italiani sono troppo grassi. Praticamente un ragazzo su tre tra i 6 e i 14 anni è in sovrappeso o decisamente obeso. ⁣Il fenomeno non è nuovo: in Italia, culla della dieta mediterranea (che è spesso una delle cause del problema), il sovrappeso in età pediatrica è una tendenza in crescita da anni.⁣ Ci si è messo pure il Covid ed il lockdown: con la pandemia, bambini e adolescenti italiani hanno guadagnato ulteriore peso. Durante la permanenza forzata a casa, i più giovani mediamente non solo si sono mossi di meno, ma hanno consumato un pasto in più, spesso costituito da cibo spazzatura.⁣

Quello dell’obesità infantile è un problema reale che non si può ignorare. Va affrontato a partire dalla famiglia che rappresenta il luogo primario dove le abitudini alimentari nascono, si sviluppano, si cristallizzano. ⁣I genitori devono fare attenzione alle vere esigenze nutritive dei ragazzi e meno ai loro capricci e alle avversioni ingiustificate verso questo o quell’alimento, se hanno a cuore la salute dei loro figli e il loro futuro.⁣ 

Un bambino grasso sarà infatti un adulto grasso, con poche eccezioni. Con il seguito di patologie croniche ed evolutive che l’obesità comporta: dalle malattie cardiovascolari al diabete, dai problemi articolari a diversi tipi di cancro, ma anche malattie renali, depressione, le patologie respiratorie e i disturbi ginecologici e sessuali. ⁣

Un bambino grasso sarà un adulto malato. Quando già non lo è alla sua età.⁣ Io non ho la formula magica per sconfiggere l’epidemia di obesità infantile. Ma alcuni aspetti sono essenziali.⁣ 

Cosa puoi fare⁣     

Riconosci il problema⁣. Non minimizzare, sottovalutando i rischi del sovrappeso in età pediatrica. Il grasso non è indice né di benessere né di salute, come     si credeva in un passato non remoto, in cui miseria e povertà erano gli spettri. ⁣Oggi siamo sommersi dal cibo e l’obesità è una malattia. Smetti di dire “è la sua       costituzione” o, peggio, “avrà tempo da grande per dimagrire”.⁣ 

Assumiti le tue responsabilità⁣ I bambini non fanno la spesa e nemmeno cucinano. Devo aggiungere altro?⁣   

Dai il buon esempio⁣. Magari la tua alimentazione è perfetta e ciò non basta comunque. Ma, se così non fosse, e se tu per primo eviti frutta e verdura, esageri       con i dolci e acquisti soprattutto cibi pronti, confezionati e trasformati, come puoi pensare che tuo figlio si comporti diversamente?⁣⁣

 Riempi il piatto di meno⁣. È vero che parliamo di organismi in crescita, ma l’eccesso di calorie fa ingrassare. Assicurati che le porzioni che servi siano misurate     a età e stile di vita dei tuoi figli.⁣
 Porta in tavola cibi sani⁣. Sotto il profilo nutrizionale è il punto principale. ⁣I bambini sono grassi perché mangiano male: merendine,gelati, creme, pizze,          patatine, bibite industriali e altre mille schifezze cariche di zucchero, sale, farine raffinate, grassi di pessima qualità, additivi di ogni sorta e calorie vuote. ⁣Si tratta di prodotti poveri dei nutrienti che veramente servono al corpo umano, per crescere, vivere in salute: vitamine, sali minerali, proteine, grassi sani, fibra. ⁣Riduci il cibo spazzatura e semplifica la lista della spesa, facendo si che la dieta dei ragazzi ruoti intorno agli alimenti che nutrono davvero: verdura e frutta fresche, pesce, carne, latticini, uova, cereali integrali, legumi, frutta a guscio. ⁣Il tutto preparato in modo semplice e sano. Un dolce ogni tanto non fa alcun male, un dolce ogni giorno sì.⁣ 
 
Falli muovere⁣. Una volta i bambini correvano tutto il giorno in cortile o all’oratorio. Era difficile imbattersi in ragazzi in sovrappeso. ⁣Oggi videogiochi, smartphone e televisione, per la sedentarietà che comportano, sono i migliori alleati della crescita dell’obesità infantile. In più, stare seduti davanti alla TV consente di tenere uno snack industriale in una mano e una bevanda gassata nell’altra.⁣ 
 
Chiedono cibo, dagli attenzioni⁣. Il sovrappeso non è mai semplicemente un problema di calorie in eccesso: la richiesta smodata di cibo è un modo, non verbale, di chiedere maggiori attenzioni, affetto, considerazione, presenza. Per gli adulti, ed a maggior ragione, per i più piccoli.⁣
 
Credits: www.pinterest.it 
 
banner farmacia

Cerca nel giornale

NSC Pubblicità Benessere e Salute

banner farmacia

 

 


 

 


Nonsolocontroxmille 1

SPORT

Image Mercoledì, 12 Gennaio 2022
Un alpino borgarese sul tetto d'Europa

Gli esperti

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com