facebooktwitter

nonsolocontro2017

2181577 Visualizzazioni

11

 

 Interessante mostra alla Cavallerizza Reale

"Un esperimento che ha messo in gioco una ragazza per un'ora intera dentro la piscina, senza telefono, cibo e distrazioni"

Quattro ragazzi e una piscina, ἀνάμνησις (anámnēsis) alla Cavallerizza Reale di Torino.

Prima esperienza per quattro giovani torinesi  che hanno potuto esporre dal 17 al 26 maggio (visionabili attualmente sulla pagina instragram anamn.esis) le loro opere all’interno del laboratorio Here4, che dal 2016 dà spazio alla realizzazione di una  produzione artistica che coinvolga diversi ambiti tra cui artisti visivi, compagnie teatrali ma anche antropologi e ricercatori di varie nazionalità.

Il team, composto da Claudia Baldino fotografa, Chiara Lampasona, Marta Cagno e Francesco Costantini come Art Director, ha presentato la propria mostra e i visitatori hanno potuto osservare oltre alle fotografie, un video che, spiegano gli autori,

“mostrava un esperimento da noi effettuato nei mesi precedenti alla mostra, che metteva in gioco la ragazza che ha posato per le nostre foto, per un’ora intera all’interno della piscina, senza telefono, cibo, distrazioni, solo lei e quelle quattro mura”

e, in seguito, gli stessi fruitori diventavano parte dell’opera grazie all’utilizzo di visori e cuffie con cui hanno sperimentato la sensazione di perdere i punti di riferimento questo per dare addito al fatto che

“buona parte dei nostri condizionamenti esterni derivano da una grossa disinformazione, non siamo padroni di vedere ciò che vorremmo, ma al contrario, siamo profilati in base alle nostre preferenze. questo non ci permette di confrontarci con un punto di vista discordante dal nostro, facendoci quindi vivere in una realtà fasulla”.

Questo visione della realtà fattuale - che sembra far eco all’esperienza della caverna della Repubblica platonica- nasce da un’esperienza che gli stessi organizzatori hanno vissuto sulla propria pelle

“abbiamo scelto questo percorso appoggiati alle pareti di una piscina vuota, azzurra come il cielo, sopra le nostre teste. Ci sentivamo isolati, la collina è un paradiso fuori dal mondo, la natura in città. Vedevamo tutta Torino da lontano eppure ci sentivamo soffocati, ma allo stesso tempo liberi. La scelta di questo tema è nata da una discussione per cui le nostre libertà sono ormai limitate da un mondo che ci controlla. Spesso è anche una nostra volontà ed è proprio questo che ci spaventa. Non volerne uscire seppur ci faccia sentire male. L’idea è quindi partita da qui. Dalla piscina e da noi” raccontano.

Opere intese e coinvolgenti per dei neofiti che, però, precisano “non sarà di certo l’ultima !”.

Senza l’appoggio di nessun ente né universitario né culturale i quattro giovani hanno deciso di prendere parte ad Here4 così da far conoscere il loro collettivo e, a proposito dell’organizzazione del laboratorio sabaudo, dicono

“Here è una bella opportunità per mettersi in mostra, per creare nuove connessioni. E’ stato per noi molto interessante vedere per la prima volta la reazione della gente al nostro progetto. Chi rimaneva meravigliato e chi era pieno di domande. Reazioni che ci aspettavamo e che avremmo voluto vedere. Ci interessa che questo progetto faccia parte del nostro portfolio come espressione di un pensiero che va oltre la superficie e che venga capito e ascoltato. Che faccia riflettere”

Per quanto riguarda il futuro rispondono

“Ci piacerebbe ripeterla, sicuramente. Appena dopo la nostra laurea ci dedicheremo a far sì che il progetto continui e si sviluppi. Ci piacerebbe inaugurarlo facendo un party in quella piscina che ci ha ospitati per mesi”.


Cerca nel giornale

pubblicita

SPORT

Gli esperti

Image Martedì, 06 Agosto 2019
Il guinzaglio, questo sconosciuto

SCIENZA

COLLEZIONISMO

Video del giorno

A CURA DI:

  • parole musica aParole & Musica onlus

  • Periodico fondato da Parole e Musica nel 1995
    Registrazione:
    n. 4839 del 18/01/1995 rilasciata dal Tribunale di Torino.
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: 339 7348994 o 393 5542895

  •  Il tuo 5 per mille a Parole & Musica onlus
  • biglietto 5 per mille2
  • Per destinare il 5 per mille a Parole & Musica onlus è sufficiente indicare il codice fiscale 92017360014 e apporre la firma nell'apposito riquadro del 730, CUD o modello unico.