facebooktwitter

nonsolocontro2017

3871137 Visualizzazioni

infanzia polo 900 1

 

La mostra sarà visitabile fino all'8 dicembre

Realizzata in occasione dei 60 anni delle Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo

Nadia Bergamini

A sessant’anni dalla Dichiarazione dei diritti del fanciullo, che sarà celebrata il 20 novembre, con la Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, al Polo del '900 viene proposta una mostra che evidenzia la dimensione più intima e delicata dell’infanzia.

L'esposizione "Unforgettable Childhood – L’Infanzia indimenticabile" evidenzia gli aspetti più comuni dei bambini, a cominciare dal gioco.

infanzia polo 900 2

La mostra - già presentata a Tel Aviv, a Matera, a Ravenna e a Bologna che concluderà il suo viaggio a Roma - sarà visitabile gratuitamente (via del Carmine 14, con orario 10-18)  fino all'8 dicembre, è curata da Ermanno Tedeschi ed  è prodotta dall'associazione culturale Acribia in collaborazione con il Polo del ‘900 e il patrocinio dell’Ufficio Cultura dell'Ambasciata d’Israele in Italia.

infanzia polo 900 3

“Tutti siamo stati bambini e durante la vita - spiega Tedeschi - si può non diventare padri, madri, mariti o mogli, ma il solo fatto di esistere implica un’infanzia. Una fase indelebile della vita di ciascuno di noi.  Ho chiesto agli artisti di fissare con la pittura, la scultura e leinstallazioni, questa fase dell’esistenza in cui tutto è possibile, quando le azioni del bambino sono continue sperimentazioni in cui si esercita ad essere, con semplicità e naturalezza, l’adulto di domani. Nasce così il progetto Unforgettable Childhood.  Il risultato sono soggetti, oggetti e momenti della vita quotidiana testimoni di quanto la nostra vita abbia la necessità di ricordare il passato per vivere il presente e costruire il futuro: questo il criterio delle mie scelte curatoriali”.

infanzia polo 900 4

 La curiosità dei bambini nell’appropriarsi degli oggetti che lo circondano, viene riproposta dagli artisti attraverso tecniche diverse come cucito, penna 10 colori, acquerello, tessuti, ferro, graffette d’acciaio inox, sughero, acciaio lucidato a specchio, giornali, nastro adesivo, legno e carta stagnola. 

 Diverse anche le tematiche proposte: dall’affettività al gioco, dal rapporto genitori- figli, alla fisicità del bambino.

 Con questa proposta, il Polo del ‘900 risponde alle sollecitazioni dell’Unicef in vista di due importanti anniversari storici legati all’infanzia. 

infanzia polo 900 5

“Se si considerano le immagini sulla ricorrente tragedia dell'infanzia - aggiunge Sergio Soave presidente del Polo del '900 -  tormentata dalla fame, dalle guerre, e dallo sfruttamento: certo, verrebbe da dire che quelle nobili carte sono state acqua sulla pietra. Ma il nostro dovere civile di memoria rimane intatto. Il Polo del '900 è nato per questo. La mostra curata da Ermanno Tedeschi va esattamente in questa direzione, anche se vi stupirà l'assenza della denuncia dello specifico torto che gli adulti continuano a riservare all'infanzia. Ciò che è stato chiesto agli artisti è stato di rappresentare l'immagine non traumatica o drammatica, ma intima e profonda di quell'età della vita”.

Durante l'esposizione, aperta a tutte le scuole, sono previsti anche  alcuni interessanti appuntamenti su prenotazione - visite guidate rivolte a famiglie e bambini, accompagnati dal raccontastorie Davide Toscano in arte Bombetta (23 novembre; 30 novembre; 7 dicembre) e per le scuole  è possibile concordare visite per i gruppi classe (prenotazioni allo 011.01120780)

infanzia polo 900 6

“La mostra è stata pensata in maniera congiunta alle attività didattiche e educative - spiega Federica Tabbò, coordinatrice dei Servizi Educativi - per coinvolgere più da vicino famiglie, bambini e scuole del territorio con momenti a loro dedicati. La mostra, con le sue opere di artisti italiani e israeliani, è un mezzo per analizzare il mondo che ci circonda e i fenomeni che lo abitano, uno strumento di educazione alla diversità, alla complessità e all’inclusione. Del resto, l’arte è e deve essere generatrice di libertà, di libera interpretazione e di libero pensiero attraverso cui costruire un proprio senso critico”.

Un'altra iniziativa è “Il curatore racconta”, una visitacon Ermanno Tedeschi (19 novembre e 3 dicembre. Prenotazioni: 011.01120780) e la proiezione in anteprima del libro "Lo strano caso di Nelson Whitman” di Marco Benadì, autore e artista coinvolto nella mostra (24 novembre).

  

 

 


Cerca nel giornale

    Vedi e clicca qui: LUDOOFFICINA

raccontami storia

SPORT

Gli esperti

SCIENZA

COLLEZIONISMO

Video del giorno

A CURA DI:

  • parole musica aParole & Musica onlus

  • Periodico fondato da Parole e Musica nel 1995
    Registrazione:
    n. 4839 del 18/01/1995 rilasciata dal Tribunale di Torino.
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: 339 7348994 o 393 5542895

  •  Il tuo 5 per mille a Parole & Musica onlus
  • biglietto 5 per mille2
  • Per destinare il 5 per mille a Parole & Musica onlus è sufficiente indicare il codice fiscale 92017360014 e apporre la firma nell'apposito riquadro del 730, CUD o modello unico.