facebooktwitter

nonsolocontro2017

7331084 Visualizzazioni

Alessandro Baricco saltoextra

 

 Alessandro Baricco a SalTo Extra

Per vincere in questo periodo l’approccio migliore è quello che stanno adottando i giovani 

Ilaria Cavallo

Il Salone del Libro non si arresta neanche nel bel mezzo della pandemia e la sua versione smart ha regalato preziosi appuntamenti e grandi emozioni anche nella serata di domenica 17 maggio, giornata conclusiva di quello che il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, ricorda essere «un orgoglio per il Piemonte, un orgoglio per Torino».

In un periodo drammatico come quello che stiamo vivendo c’è bisogno di audacia per proporre iniziative in grado di riaggregare la popolazione per far sentire tutti più vicini, ed è proprio a proposito dell’audacia che si apre l’intervento dello scrittore e critico torinese Alessandro Baricco.

Per l’autore quello che stiamo vivendo è il momento della prudenza e dell’audacia in cui la prima detta le regole per il quieto vivere, mentre la seconda è, usando le parole dello stesso scrittore:

«quel qualcosa che mette insieme disponibilità a rischiare e una certa brillantezza intellettuale».

Insieme forniscono il necessario equilibrio regolatore.

A tal proposito muove una piccola critica alla società contemporanea a suo avviso ancora troppo legata alla cultura del Novecento e alla sua eccessiva prudenza. Riporta l’esempio della lotta al Covid 19 adottata dai Paesi europei che paragona a giocatori di scacchi mandati a giocare una partita contro qualcosa, un virus, che viene metaforicamente dal futuro e si muove come un videogame: la principale strategia adottata è stata la formazione di un’equipe di soli medici molto preparati per affrontare l’emergenza.

baricco alessandro

«Abbiamo mandato degli scacchisti a giocare ai videogame» dice sostenendo che forse avrebbero dovuto seguire le tattiche moderne suggerite dai videogiochi e impiegare una task più sfaccettata.

In seguito Lagioia, padrone di casa nella conduzione del SalTo, gli ha domandato se a suo avviso la società attuale si sia abituata a lavorare al meglio in condizione di stress.

Non stupisce che la risposta dello scrittore sia stata affermativa.

Baricco, riprendendo il concetto di società ancora novecentesca, ha esposto come i sistemi ereditati dal passato ci abbiano trasmesso l’attuale metodo di approccio agli eventi in cui «prendiamo delle decisioni solo quando c’è un “nemico” da combattere»

La sua ipotesi è che questa situazione potrebbe diventare ancora più stabile nel periodo successivo al Covid e comporterebbe come conseguenze una positiva aggregazione degli uomini uniti dal proprio senso di appartenenza nella lotta contro ad un destino comune, ma anche il rinchiudersi nelle proprie paure e la perdita della capacità immaginativa.

Infine è stata presa in esame la sua ultima opera pubblicata, The Game, un interessante saggio vestito da romanzo in cui vengono affrontati, tra gli altri, i temi dell’immaginazione e della fuga, in particolare quel “senso della fuga” che ha avuto inizio attraverso tutti gli Steve Jobs della fine dello scorso secolo che si sono allontanati dalla cultura radicata nel passato e che hanno gettato le basi per il periodo in cui stiamo vivendo, più digitalizzato e proiettato verso il futuro.

                                                                                                           

Baricco non ha dubbi che le nuove generazioni, quelle “nate nel Game” vedano il mondo e il suo sviluppo in modo diverso e che questa loro visione potrà concretizzarsi e già si stano impegnando perché ciò avvenga.

Bisogna sì essere prudenti e audaci, ma per vincere il game l’approccio migliore è quello che stanno adottando i giovani sempre meno spaventati e più desideranti.

sostienicinew4


Cerca nel giornale

 

 

VEDI E CLICCA SUL BANNER PER SAPERNE DI PIU'

 

tempo libro pubjpg


Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro


 

SPORT

Gli esperti

Image Mercoledì, 24 Febbraio 2021
L'osso di pelle per cani: pericoloso e tossico

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com