facebooktwitter

nonsolocontro2017

6467970 Visualizzazioni

Mausoleo bela rosin

 E' stata la moglie morganatica del Re

 Sepolta in un primo momento nel mausoleo di Mirafiori in seguito a diversi atti vandalici fu poi spostata al Monumentale

Mariaelena Spezzano

Ultima puntata del nostro viaggio alla scoperta del Cimitero Monumentale di Torino. 

Rosa Vercellana fu la moglie morganatica del re Vittorio Emanuele, anche conosciuta col nome con cui è passata alla storia: la “Bella Rosin”. Quando si conobbero a Racconigi, lei, appena quattordicenne, era al seguito del padre, un soldato del regno di Sardegna, mentre lui, più che ventenne, oltre ad essere già sposato, era principe di Piemonte ed erede al trono di Sardegna. Ciò che fece scandalo non fu tanto la differenza l’età, bensì la differenza di ceto: un principe di Piemonte che si era invaghito di una donna del popolo.

la bela rusin

 

Furono protagonisti di una relazione che durò tutta la vita e che venne ufficializzata con le nozze poco dopo la morte della moglie del principe, Maria Adelaide, avvenuta nel 1855. Si è parlato di nozze morganatiche proprio perché lei non sarebbe mai potuta diventare regina ed i figli, per i quali venne coniato il cognome “Guerrieri”, non avrebbero mai avuto alcun diritto nella successine al trono. Ma la donna aveva bisogno di un titolo nobiliare per sposare Vittorio Emanuele II, così fu nominata contessa di Mirafiori e Fontanafredda.

victor emmanuel ii with morganatic wife and their children copia

Alla morte del re nel 1878, Rosa Vercellana subì una vera e propria damnatio memorie: a causa della scomodità del suo personaggio in un periodo in cui la figura del “padre della patria” e la retorica risorgimentale erano al primo posto, fu allontanata dalla vita di corte, dove effettivamente non aveva mai vissuto. Questo trattamento continuò ad esserle riservato anche alla sua morte, dal momento che non le fu riconosciuto il privilegio, riservato ai re d’Italia, di essere tumulata al Pantheon insieme a suo marito. Così i figli crearono per lei nelle tenute di Mirafiori il “Mausoleo della Bela Rosin”, visibile da lungo strada castello di Mirafiori. In seguito agli atti vandalici a cui intorno al 1970 la tomba fu soggetta, i resti di Rosa Vercellana furono trasferiti dal mausoleo, che quindi è attualmente vuoto, al Cimitero Monumentale, accanto ai due figli stessi avuti da Vittorio Emanuele II, Vittoria ed Emanuele.

tomba vercellana

I suoi eredi ad oggi gestiscono la tenuta di Fontanafredda.


Cerca nel giornale

 Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro

SPORT

Gli esperti

COLLEZIONISMO

Image Sabato, 28 Novembre 2020
Pronta la nuova traduzione del Messale

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com