facebooktwitter

nonsolocontro2017

7329520 Visualizzazioni

fugging

 Dal 1° gennaio 2021 si chiama Fugging

I cittadini sono riusciti a cambiare la storica denominazione: Fucking

Luigi Benedetto

Se si dovessero individuare le mete turistiche più ambite in Austria, la risposta sembrerebbe scontata. Vienna, si direbbe. Oppure Salisburgo. O Linz. O Graz. O le località alpine. In realtà, fino al primo gennaio 2021 una delle principali mete turistiche era una frazione, di un centinaio di abitanti, del Comune di Tarsdorf, a poca distanza dal confine tedesco. 

Una frazione entrata tra le mete più visitate specialmente dai turisti anglofoni per via del suo nome: Fucking. Che, come tutti sanno, in inglese, in quanto gerundio del verbo “to fuck” (che sì, vuol dire proprio quello) si può tradurre in molti modi, e quasi nessuno lusinghiero. Inglesi e americani, però, trovavano la cosa molto divertente (e per certi versi lo è) e non perdevano occasione per raggiungere la località e farsi immortalare accanto al cartello stradale che indicava l’inizio (o la fine) del centro abitato. 

fucking

E a rendere le cose ancora più divertenti, ci avevano pensato gli austriaci, che (come in moltissime località) subito dopo il cartello con il nome avevano posto un secondo cartello, con il quale si invitava moderare la velocità, e che recitava “Bitte - nich so schnell”, cioè “Per favore non così velocemente”, accompagnando la scritta con l’immagine di due bambini, e rendendo il tutto ancora più ambiguo ed equivoco.

E se il turismo rappresentava in qualche modo una fonte di guadagno, allo stesso tempo era anche motivo di sofferenza per le casse comunali. Perché molti turisti non si limitavano a fare la foto ma, quando erano sicuri di non essere visti, sradicavano il cartello e se lo portavano a casa come ricordo. Costringendo l’Amministrazione di Tarsdorf a comprarne di nuovi, sborsando ogni volta 300 euro. Almeno fino al 2005, quando si sono bellamente rotti le scatole e hanno iniziato a fissare i loro cartelli con il cemento. 

Poi però i “fuckingers”, cioè gli abitanti di Fucking, ne hanno avuto abbastanza di essere presi per i fondelli anche da chi vive, per dire, a Femminamorta, vicino a Pistoia, o a Belsedere, nel senese, o a Strangolagalli, vicino a Frosinone, e, dopo diversi tentativi andati a vuoto, dal primo gennaio di quest’anno sono riusciti a cambiare nome alla loro località di residenza. Che, da qualche settimana, non si chiama più Fucking, ma Fugging: forse senza rendersi conto che in inglese “to fug” vuol dire qualcosa come “stare in una atmosfera pesante, impura”. Che di certo attirerà meno turisti, ma farà risparmiare sul posizionamento dei cartelli stradali. 


Cerca nel giornale

 Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro

SPORT

Gli esperti

Image Mercoledì, 24 Febbraio 2021
L'osso di pelle per cani: pericoloso e tossico

SCIENZA

COLLEZIONISMO

Illustri Sconosciuti

Più letti

Ultime news

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com