facebooktwitter

nonsolocontro2017

10257866 Visualizzazioni

REGGIA ALBERO DI NATALE

 A Pinerolo una mostra dedicata a Pinocchio 

A Torino, al Museo del Risorgimento, "Anita e le altre" per raccontare la ricchezza dell'universo femminile ottocentesco

Giulia Odetti

Natale è ormai alle porte e le iniziative per renderlo magico si moltiplicano

Natale alla Reggia di Venaria

Dall’8 dicembre al 6 gennaio un autentico scenario da fiaba accoglierà i visitatori già fuori dal complesso monumentale della Venaria Reale: nella piazza della Torre dell’Orologio l’ormai tradizionale grande Cervo luminoso della Reggia sarà attorniato dalle suggestive proiezioni animate della rassegna Immaginaria. Apri gli occhi e sogna a cura del Comune di Venaria Reale, un emozionante racconto di luci e suoni con i simboli della città ambientato lungo il Borgo Antico e non solo, insieme alla programmazione di un ricco palinsesto di eventi ed appuntamenti.

Le proposte di ampliano inoltre con Sere di Natale alla Reggia: dal 26 dicembre al 6 gennaio infatti la Reggia apre i suoi straordinari spazi anche in orario serale per far vivere l’atmosfera magica del Natale nell’incanto dei suoi ambienti barocchi: l’imponente Corte d’onore con l’Igloo di Mario Merz, la Galleria Grande
capolavoro dello Juvarra, il Rondò Alfieriano e la Cappella di Sant’Uberto con lo storico Presepe del Re allestito per l’occasione, ospiteranno il pubblico insieme ad animazioni e momenti musicali secondo un ricco programma curato dalla Fondazione Via Maestra e dal Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino.

L’ingresso è previsto con tariffa agevolata speciale a 5 euro (1 euro per i ragazzi dai 6 ai 18 anni), fino alle 21 nei giorni settimanali, e fino alle ore 22 nel weekend e nei festivi (il 31 dicembre non è previsto il prolungamento dell'orario serale).

Info: www.lavenaria.it 

Reggia Cervo

A Pinerolo va in scena la storia di Pinocchio

Pinocchio, il celebre burattino che si riscatta e si trasforma in bambino, il celebre libro di Carlo Collodi porta con sè ancor oggi un inestimabile valore pedagogico e artistico.

Proprio a Pinocchio, il Consorzio Vittone, l’Associazione Naturalistica Pinerolese, l’associazione Amarte 1999, il Centro Studi e Museo d’Arte Preistorica e l’associazione Arti e Tradizioni Popolari, dedicano a partire da oggi, sabato 11 dicembre la mostra “Carissimo Pinocchio 140 anni e non dimostrarli”, proponendo anche una serie di iniziative collegate. La mostra è dedicata alla preziosa raccolta di pubblicazioni della maestra Maria Bruera, a cui si affiancano volumi prestati dalla Pro Loco e dal Comune di Vernante, centro turistico della cuneese Valle Vermenagna dove si possono ammirare i dipinti murali dell’illustratore, fumettista e pittore Attilio Mussino, noto in tutto il mondo come lo “Zio di Pinocchio”.

Nella mostra allestita a Pinerolo si possono anche ammirare le riproduzioni di opere di Nano Campeggi, a cura di Remo Caffaro e proposte da Amarte 1999, gli animali del racconto visti e reinterpretati dall'Associazione Naturalistica Pinerolese, la ricostruzione del laboratorio di Mastro Geppetto a cura dell'associazione Arti e Tradizioni Popolari, con i reperti di collezioni private e del laboratorio di Beppe Bruno e ancora video e gadget ispirati a Pinocchio.

La mostra sarà visitabile sino a domenica 9 gennaio

Informazioni: www.consorziovittone.it, 335-5922571 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il vero volto di Anita, la compagna di Giuseppe Garibaldi

Anita Garibaldi

“Anita e le altre”,  è il titolo della mostra inaugurata al Museo del Risorgimento di Torino. L'esposizione propone una galleria di storie e volti di venti donne protagoniste del Risorgimento che con questo allestimento, curato dal direttore del Museo, Ferruccio Martinotti, vuole raccontare la ricchezza dell’universo femminile che ha animato l’Ottocento italiano.

È in mostra il vero volto di Anita, in un olio su carta del pittore Giuseppe Gallino, datato 1845, di proprietà del Comune di Milano, che lo conserva a Palazzo Moriggia, sede del Museo del Risorgimento di Milano. Non manca la riproduzione autografa di Ricciotti Garibaldi, il secondo figlio di Giuseppe e Anita, che spiega come la miniatura fu fatta eseguire dal padre e sia l’unico vero ritratto della leggendaria donna. Interessante anche il video “Il vero volto di Anita”, a cura di Silvia Cavicchioli, docente dell’Università degli Studi di Torino che racconta la straordinaria storia dell’unico ritratto dal vero di Anita Garibaldi.

Oltre ad Anita, le protagoniste sono Luisa Sanfelice, Giulia Colbert Falletti di Barolo, Costanza Alfieri D’Azeglio, Cristina Trivulzio di Belgioioso, Olimpia Rossi Savio, Virginia Oldoini Verasis Contessa di Castiglione, Giuseppa Calcagno e la regina Margherita di Savoia. Donne umili o ricchissime, contadine, giornaliste, banchiere, guerriere, regine, madri, scrittrici che durante il Risorgimento occuparono spazi pubblici e diedero vita a nuove forme di partecipazione sociale e culturale, la nascita dei salotti politici, il sostegno alle lotte per l’indipendenza, l’assistenza, l’istruzione. 

La mostra è visitabile sino a sabato 22 gennaio al Museo Nazionale del Risorgimento Italiano (piazza Carlo Alberto) a Torino, dal martedi alla domenica dalle 10 alle 18 (ultimo ingresso alle 17,30). Il biglietto d’ingresso al Museo e alla mostra costa 10 euro, con le consuete riduzioni e la gratuità per i possessori delle tessere Abbonamento Musei e Torino Piemonte Card.

L'ingresso è consentito dietro presentazione del green pass.

 

Banner Valgio Natale 2021 1

 


Cerca nel giornale

NSC Pubblicità In Gita

Banner Valgio Natale 2021 1


GIF VECCHIONE 1

SPORT

Image Mercoledì, 12 Gennaio 2022
Un alpino borgarese sul tetto d'Europa

Gli esperti

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com