facebooktwitter

nonsolocontro2017

5700564 Visualizzazioni

cuccioli1

 

 Ecco i consigli del veterinario

Fondamentali tutte le vacinazioni e test diagnostici per proteggerlo da eventuali malattie congenite

Andrea Fontana

Di solito i cuccioli vengono tolti alla madre intorno ai 60 giorni d’età, ed essendo ormai svezzati possono entrare a far parte della nuova famiglia. I primi giorni sono naturalmente quelli più difficili, in quanto il cucciolo deve ambientarsi e soprattutto deve metabolizzare il distacco dalla cucciolata. I cuccioli dormono molto, nei primi mesi della loro esistenza, ma si può essere certi che le prime notti alcuni saranno più che vispi, impedendo a noi di dormire come eravamo abituati.

Se il cane proviene da un allevamento o da un buon negozio specializzato, viene consegnato anche un libretto sanitario, sul quale sono state segnate le prime vaccinazioni e l’eventuale avvenuta sverminazione; al contrario, se il cucciolo proviene da privati, quasi certamente saranno i nuovi proprietari a doversi occupare di tutto quanto.

Vediamo dunque quali sono le principali cose da fare.

Innanzitutto chiedete al vecchio proprietario se ha già provveduto a far mettere il microchip ai cuccioli. La risposta dovrebbe essere affermativa in quanto è obbligatorio mettere il microchip a ogni cane, compresi i cuccioli. Si procederà in tal modo a compilare un documento di cessione (una specie di voltura), firmato sia da chi cede il cane sia da chi lo riceve. Il documento va inviato all’Asl di competenza. Nel caso in cui il cane non abbia ancora il microchip, è necessario farlo applicare, rivolgendosi perciò al proprio veterinario di fiducia che senz’altro saprà fornire tutte le informazioni in merito. Il microchip è molto importante, in quanto sostituisce il vecchio tatuaggio e consente di iscrivere il cane all’anagrafe canina e di ritrovarlo in caso di smarrimento.

Concluse le pratiche burocratiche, inizia la parte sanitaria vera e propria.

cuccioli2

È fondamentale una prima visita dal veterinario, in quanto vi saprà ravvisare eventuali malattie o difetti del cucciolo. Con un esame delle feci si potranno invece rilevare le parassitosi intestinali, i cosiddetti vermi, che sono diffusissimi tra i cuccioli. È importante anche rilevare se nel pelo sono presenti parassiti esterni, come pulci o zecche.

Una volta eliminati i vermi, ovvero dopo aver “sverminato” il cane, si può procedere con le vaccinazioni. A seconda del protocollo vaccinale scelto dal veterinario verranno eseguite due o tre vaccinazioni in circa 2 mesi. Le vaccinazioni proteggono l’animale contro le principali malattie, come ad esempio il cimurro, la parvovirosi, l’epatite infettiva e la leptospirosi. I richiami successivi avranno nella maggior parte dei casi cadenza annuale.

Il cucciolo nella giornata che segue la vaccinazione potrà avere un debole rialzo febbrile, e quindi presentarsi meno giocoso ed affamato del solito; sono tuttavia sintomi passeggeri che si risolvono nel giro di poche ore.

È molto importante far eseguire al veterinario anche un test per la filariosi cardio-polmonare ed iniziare la profilassi per prevenire questo parassita del cuore estremamente pericoloso.

                                                                                                               

Il cane ha così concluso le prime incombenze sanitarie e pertanto può iniziare anche a socializzare con altri cani; a queste prime vaccinazioni se ne possono anche aggiungere altre, come ad esempio quella contro la piroplasmosi, la leishmania o l’antirabbica. Quest’ultima merita un cenno a parte.

Pur essendo la rabbia ormai da diversi anni non più presente sul territorio italiano, è obbligatorio far vaccinare il cane (ed in questo caso anche il gatto) contro la rabbia quando si decide di andare all’estero. Inoltre dovremo farci rilasciare un vero e proprio passaporto per il nostro animale da parte dell’Asl di riferimento; sul passaporto il veterinario annoterà l’avvenuta vaccinazione antirabbica. Questo documento è quindi indispensabile per l’espatrio degli animali ed è valido solamente quando è valida anche la vaccinazione antirabbica.


Cerca nel giornale

VEDI E CLICCA SUL BANNER

Banner andrea

 

 

 


Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro 

 

    

            

                           

 

 

                                                              

SPORT

Gli esperti

Image Mercoledì, 09 Settembre 2020
La displasia dell'anca nel cane

SCIENZA

Image Martedì, 15 Settembre 2020
Mario, e Luigi, compiono 35 anni

COLLEZIONISMO

Ultime news

Martedì, 19 Febbraio 2019
Epilessia nel cane: cause e sintomi
Martedì, 26 Marzo 2019
Zecche, perchè sono pericolose
Mercoledì, 03 Giugno 2020
Pet Therapy: cos'è e come funziona
Martedì, 07 Maggio 2019
Se il cane abbaia troppo

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com