facebooktwitter

nonsolocontro2017

7670280 Visualizzazioni

gatto epilessia

Influenzano capacità motoria e stato mentale dell’animale

L’epilessia è una sindrome che può provocare spasmi, convulsioni e movimenti involontari

Andrea Fontana

Veterinario

andrea fontana gatto

L’epilessia è una malattia relativamente comune nei nostri animali. Nella pratica clinica è frequente imbattersi in questo tipo di patologia contro cui fortunatamente vi sono cure efficaci.

Di solito l’epilessia causa parecchio spavento la prima volta che il proprietario vede il proprio cane o il proprio gatto essere vittima di una crisi.

Tremori, incoordinazione, digrignamento, profondo irrigidimento muscolare, perdita di conoscenza, movimenti di pedalamento, vocalizzi, fino alla perdita di feci o urine sono i sintomi principali. Una crisi epilettica può durare da pochi secondi a diversi minuti, con conseguenze anche gravi a seconda della lunghezza e dell’intensità.

A volte l’animale può manifestare agitazione come preludio della crisi, mentre dopo l’episodio epilettico possiamo assistere a tutta una varietà di conseguenze, più o meno evidenti: incoordinamento, cecità, tremori, stordimento, aumento della sete o della fame, comportamenti compulsivi. Il tutto può durare qualche minuto o molte ore.

Durante la crisi la cosa più importante è mettere in sicurezza l’animale, in modo che non si ferisca durante le convulsioni. Evitare le stimolazioni (ad esempio buttare acqua o richiamare a voce alta), abbassare le luci e mantenere il più possibile la calma. Contattare il veterinario e se la crisi si prolunga oltre i 2 o 3 minuti recarsi alla struttura di riferimento.

cane epilessia

Le crisi possono essere essenzialmente di 3 tipi.

  • Parziale, quando coinvolge solo un distretto corporeo, oppure non fa perdere del tutto la coscienza ed i sintomi sono più lievi.
  • Generalizzata, quando i sintomi sono molto più intensi, con caduta sul lato ed irrigidimento.
  • Stato epilettico e cluster epilettico, quando vi è una crisi che non termina oppure una serie di crisi più o meno intervallate.

In ogni caso è importante investigare le cause all’origine dell’epilessia (analisi del sangue e risonanza magnetica), ed impostare la terapia più adeguata, in modo da ridurre o azzerare la frequenza e l’intensità delle crisi. Molto importanti anche i controlli periodici per verificare l’adeguatezza della terapia.

Il tipo più comune di epilessia primaria  (ovvero non conseguente ad altre patologie) è l’epilessia idiopatica, che significa senza causa specifica. Alcune razze ne sono affette più di altre, come eredità genetica.


Cerca nel giornale

VEDI E CLICCA SUL BANNER

Banner andrea

  


Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro 

 

    

            

                           

 

 

                                                              

Gli esperti

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com