facebooktwitter

nonsolocontro2017

10258190 Visualizzazioni

concerto primo maggio 2017

 

 Molti artisti su un palco virtuale

La diretta su Rai Tre, dalle 20 alle 24

Luigi Benedetto

Dal 1990, Primo maggio non vuol dire solo festa dei Lavoratori ma anche concerto. Il grande concerto che viene organizzato dalle organizzazioni sindacali in piazza San Giovanni, a Roma.

E che negli anni, oltre a radunare folle oceaniche, ha portato su quel palco i nomi più importanti della musica italiana (da Zucchero ai Pooh, da Ruggeri a Morandi, da Pino Daniele a Ligabue, da De Andrè a Guccini, da Fossati alla Mannoia, da Bennato alla Nannini, da Battiato ai Nomadi, da Jovanotti a Vasco Rossi, da De Gregori a Jannacci, per fare alcuni esempi) e straniera (da Bob Geldof a Miriam Makeba, da B.B.King a Robert Plant, dagli Iron Maiden a Lou Reed, da Elvis Costello ai Radiohead, da Sting ai Simple Minds, da Jon Bon Jovi e da Alanis Morissette agli Eurythmics, dagli Oasis a Chuck Berry, per fare altri esempi). Con una grande attenzione ai gruppi emergenti, poi magari tornati su quello stesso palco, ad anni di distanza, come stelle di prima grandezza. E ogni edizione è stata dedicata ad un tema, sempre connesso al mondo del lavoro.

Non farà eccezione, almeno nello spirito, l’edizione del 2020. Anche se le differenze rispetto al passato saranno, per forza di cose, enormi. Ci sarà una conduttrice, Ambra Angiolini, come negli ultimi anni. E ci sarà un tema: «Il lavoro in sicurezza per costruire il futuro». Ci sarà la diretta tv (Rai 3) e via radio (Rai Radio 2), tra le 20 e le 24. Ci saranno nomi importanti su quel palco virtuale: Gianna Nannini, Vasco Rossi, Zucchero, Alex Britti, Aiello, Bugo e Nicola Savino, Cristian Godano, Dardust, Eugenio e Edoardo Bennato, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Fasma, Francesca Michielin, Francesco Gabbani, Fulminacci, Irene Grandi, Le Vibrazioni, Leo Gassmann, Lo stato sociale, Margherita Vicario, Niccolò Fabi, una rappresentanza dell’Orchestra Accademica di Santa Cecilia, Paola Turci, Rocco Papaleo, Tosca e Patti Smith.

Mancherà, però, una delle grandi protagoniste: la piazza. Quella piazza che fa stare, davanti ad un palco, centinaia, migliaia, decine di migliaia di persone diverse tra loro ma accomunate dalla stessa voglia di essere lì, di condividere un momento e mille emozioni. I cantanti si esibiranno dalle loro case, da studi di registrazione, da altre location più o meno improvvisate. Ma ci saranno. Perché nessun virus può fermare la musica. 

sostienicinew4


Cerca nel giornale

 

 

 

 

SPORT

Image Mercoledì, 12 Gennaio 2022
Un alpino borgarese sul tetto d'Europa

Gli esperti

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com