facebooktwitter

nonsolocontro2017

7331222 Visualizzazioni

covid 19 antiusura

 Per le nuove norme imposte dall'EBA

Gavazza: «Le regole per il sovra-indebitamento rischiano di strangolare l'economia»

na.ber.

Stime aggiornate descrivono circa 2 milioni di famiglie in sovra-indebitamento e altre 5 appena "sopra-soglia", cioè in una sorta di equilibrio precario tra redito disponibile e debiti "ordinari". Stesso discorso vale per le aziende che hanno subito fortemente l'impatto della pandemia.

Il rischio usura, dunque, è dietro l'angolo e con l'entrata in vigore dal 1 gennaio delle norme europee dettate dall'EBA sull'inadempienza, è allarme rosso per il tessuto imprenditoriale, già pesantemente gravato dagli oneri fiscali di fine novembree dal versamento dell’IVA.

«La normativa europea, pensata principalmente per ridurre i rischi patrimoniali del sistema bancario – spiega Gianluca Gavazza consigliere regionale della Lega -  s’inserisce in un contesto di fortissima instabilità per imprese, artigiani e famiglie, chiamati a conformarsi alle stringenti regole per sfuggire allo stato di insolvenza». 

Gianluca Gavazza

L'attuale meccanismo - in vigore fino a domani, 31 dicembre - prevede già la classificazione in default per quelle imprese che non hanno potuto onorare gli arretrati di pagamento rilevanti verso un istituto di credito per più di 90 giorni consecutivi.  Ma è proprio intorno al termine “rilevante” che ruotano la maggior parte delle novità introdotte dal legislatore europeo per il prossimo anno.

Se fino a quest’anno, era riservato agli arretrati che superavano il 5% dell’esposizione complessiva nei confronti della banca, con la nuova normativa la soglia si abbassa all’1% (per un ammontare minimo di 500 euro).

«Il meccanismo, accende i riflettori sulle persone fisiche che hanno un’esposizione inferiore al milione di euro – prosegue Gavazza - In questo caso, l’arretrato utile per rientrare negli ingranaggi della nuova normativa, a patto che, come detto, sconfini la soglia del 1% - sarebbe a malapena di 100 euro. Una somma irrisoria, questa, che tuttavia basterebbe alla banca per avviare le azioni necessarie per tutelare i propri crediti e segnalare il debitore presso la Centrale rischi della Banca d’Italia. Un meccanismo micidiale, soprattutto in epoca di pandemia, poiché chi accusasse quel ritardo finirebbe per essere inserito nella lista dei cattivi pagatori, con tutto quello che ne consegue. Tutto ciò finirebbe per strangolare l’economia e mettere nella condizione le imprese di essere sempre più esposte al rischio usura vedendosi rigettare la richiesta di credito dai canali ufficiali».

 

Cerca nel giornale

banner endrio

PILLOLE FINANZIARIE: INVESTIRE DOPO LA CRISI POLITICA

A cura del Dott. Endrio Milano, Private Banker Fideuram


 CLICCA SUL BANNER PER SAPERNE DI PIU'

  


Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro

PILLOLE FINANZIARIE

Argomento della puntata: E' il momento di investire

Rubrica di consulenza finanziaria a cura del Dott. Endrio Milano, 

Private Banker Fideuram


 CLICCA SUL BANNER E VEDI

 


 

Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro

SPORT

Gli esperti

Image Mercoledì, 24 Febbraio 2021
L'osso di pelle per cani: pericoloso e tossico

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com