facebooktwitter

nonsolocontro2017

9886400 Visualizzazioni

Stellantis

 Le dichiarazioni di API Torino e dell'Unione Industriale

«Di fronte ad una svolta epocale, le imprese devono avere strumenti di competitività per far fronte alla sfida»

na.ber.

«Di fronte ad una trasformazione epocale per l’automotive e il territorio, ad oggi non sono note le idee e tanto meno le linee concrete di politica industriale che il nostro Governo dovrebbe porre a tutela del settore».

Corrado Alberto, presidente di API Torino, commenta così la creazione ufficiale di Stellantis, il colosso nato dalla fusione di FCA e PSA.

E aggiunge:

«Siamo come dei figli senza padri. Ma attenzione parlo di padri in grado non di prendere iniziative in modo arbitrario e limitato, ma di padri che riescano a formulare proposte in grado di consolidare e accrescere la competitività delle imprese e del territorio».

corrado alberto

Poi Alberto invita il governo a seguire l'esempio di Parigi:

«In Francia, l’approccio è totalmente diverso. Lo Stato da sempre vede l’automotive come un comparto strategico, da difendere e da far crescere. Forse è il caso di guardare oltraalpe. Noi continuiamo, invece, a subire la mancanza cronica e tragica di una visione di politica industriale che sia organica, efficace e coraggiosa. Lo ripeto: il sistema delle imprese della filiera dell’auto non chiede ciechi sostegni a pioggia, ma strumenti adeguati per sviluppare la propria competitività per fare fronte ad una sfida che è planetaria. E’ evidente che di fronte a quanto sta accadendo, e non solo nell’automotive, non sia più possibile andare avanti così».

Giorgio Marsiaj UI

Più fiducioso Giorgio Marsiaj, presidente dell’Unione Industriale di Torino

«La nascita di Stellantis è un fatto epocale. Si tratta, infatti, della fusione di due produttori che hanno fatto con i loro marchi una parte molto significativa della storia dell’automobile. La decisione assunta oggi va nella direzione delle grandi fusioni che tutti gli esperti indicano come necessarie per permettere di migliorare la competitività sui mercati globali. Auspico che anche le imprese torinesi e piemontesi sapranno imitare l’esempio di Fca e Psa, per raccogliere con successo la sfida posta dalla concorrenza internazionale che stimola all’innovazione e al cambiamento».

L’Unione Industriale già da tempo sostiene la capacità tecnologica delle aziende e sta supportando le imprese a rafforzare la propria efficacia competitiva, sia irrobustendo le relazioni di filiera e di partnership, sia intensificando le iniziative di formazione professionale.

«Sono fiducioso che l’industria dell’auto torinese - conclude - e i suoi lavoratori sapranno compiere un passo in avanti, grazie alle loro notevoli competenze, frutto di una tradizione ultracentenaria che si è sempre evoluta nel corso degli anni».


Cerca nel giornale

NSC Pubblicità I Nostri Soldi (2)

PILLOLE FINANZIARIE

Argomento della puntata: Portafogli ancora azionario, ma attenti all'inflazione

Rubrica di consulenza finanziaria a cura del Dott. Endrio Milano, 

Private Banker Fideuram

 banner endrio 2021

 

banner endrio 2021


POLITICA&FINANZA: IL SENSO DELLE COSE

A cura del Dott. Endrio Milano, Private Banker Fideuram

  

Nonsolocontroxmille 1

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com