facebooktwitter

nonsolocontro2017

10258100 Visualizzazioni

 

99 Andrea Repossini dir Coldiretti Torino

 Andrea Repossini, direttore di Coldiretti Torino

 L'allarme lanciato da Coldiretti Torino

«Servono accordi di filiera che valorizzino i primati del Made in Italy»

Dalla Redazione

Le quotazioni delle materie prime alimentari hanno raggiunto a livello mondiale il massimo da oltre dieci anni, trainati dai forti aumenti per oli vegetali, zucchero e cereali.

Servono accordi di filiera che valorizzino i primati del Made in Italy e garantiscano la sostenibilità della produzione in Italia con impegni pluriennali e il riconoscimento di un prezzo di acquisto “equo”, basato sui costi sostenuti. E' quanto afferma Coldiretti sulla base dell’Indice Fao che ha raggiunto, nel mese di ottobre 2021, il valore massimo dal luglio 2011.

Un incremento medio del 31,3%, rispetto allo stesso mese dello scorso anno, con l’indice Fao che è salito al valore di 133,2 punti. A tirare la volata sono i prezzi internazionali dei cereali, cresciuti del 22,4% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, mentre lo zucchero aumenta di oltre il 40% e i grassi vegetali sono balzati addirittura del 74% rispetto all’anno scorso.

«Con la pandemia si è aperto uno scenario di accaparramenti, speculazioni e incertezza per gli effetti dei cambiamenti climatici che spinge la corsa dei singoli Stati ai beni essenziali per garantire l’alimentazione delle popolazione – afferma Andrea Repossini, direttore di Coldiretti Torino -. Si sta innescando un nuovo cortocircuito sul fronte delle materie prime anche nel settore agricolo nazionale che ha già sperimentato i guasti della volatilità dei listini in un Paese come l’Italia che è fortemente deficitaria in alcuni settori e ha bisogno di un piano di potenziamento produttivo e di stoccaggio per le principali commodities, dal grano al mais, fino all’atteso piano proteine nazionale per l’alimentazione degli animali in allevamento per recuperare competitività rispetto ai concorrenti stranieri».

E conclude:

«Nell’immediato occorre garantire la sostenibilità finanziaria delle aziende e degli allevamenti piemontesi affinché i prezzi riconosciuti ad agricoltori ed allevatori non scendano sotto i costi di produzioni. A preoccupare sono peraltro le prossime semine con i costi che sono raddoppiati per gli agricoltori che sono costretti ad affrontare rincari fino al 50 per cento per il gasolio necessario per le attività che comprendono l’estirpatura, la rullatura, la semina e la concimazione ma ad aumentare sono pure i costi per l’acquisto dei fertilizzanti delle macchine agricole e dei pezzi di ricambio per i quali si stanno verificando addirittura preoccupanti ritardi nelle consegne. Per cogliere una opportunità unica abbiamo elaborato e proposto progetti concreti immediatamente cantierabili nel Pnrr, Piano nazionale di ripresa e resilienza, per favorire una svolta verso la rivoluzione verde, la transizione ecologica e il digitale».

 

Dielle Auto ottobre 2021


Cerca nel giornale

NSC Pubblicità I Nostri Soldi (2)

PILLOLE FINANZIARIE

Argomento della puntata: Investimenti azionari per il 2022

Rubrica di consulenza finanziaria a cura del Dott. Endrio Milano, 

Private Banker Fideuram

  banner endrio 2021

 

banner endrio 2021


POLITICA&FINANZA: IL SENSO DELLE COSE

A cura del Dott. Endrio Milano, Private Banker Fideuram

  

Nonsolocontroxmille 1

SPORT

Image Mercoledì, 12 Gennaio 2022
Un alpino borgarese sul tetto d'Europa

Gli esperti

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com