facebooktwitter

nonsolocontro2017

3903038 Visualizzazioni

macchie della pelle

 

 Le cause scatenanti sono molteplici

I rimedi per combatterle non mancano

Paolo Maria Salzotto

La macchie della pelle sono un fenomeno che soprattutto le donne conoscono bene: le macchie scure che si manifestano in precise zone del corpo, in particolare fronte, zigomi, contorno labbra, décolleté e dorso delle mani. Vediamo insieme quali tipi di macchie esistono e come trattarle per schiarirle, o addirittura eliminarle.

Cosa sono
Le macchie della pelle sono zone circoscritte che appaiono più scure rispetto alla pelle circostante per via di un accumulo di melanina, un pigmento che viene prodotto da particolari cellule (melanociti) presenti nell’epidermide e che viene trasferito in seguito negli strati della pelle più superficiali, costituti da un altro tipo di cellule, dette cheratinociti (la cui principale componente è appunto la cheratina).

La cause principali
I fattori che causano la disfunzione dei melanociti, responsabili di questo accumuli, possono essere interni o esterni.

Fra i fattori esterni ritroviamo principalmente:
- eccessiva esposizione alle radiazioni solari
- eritema solare
- assunzioni di farmaci

Fra le cause interne invece:
- menopausa
- invecchiamento
- predisposizione genetica
- disfunzioni o scompensi ormonali
gravidanza

Sulla base di questi fattori si può distinguere quindi diversi tipi di macchie:

Macchie da eritema.

Tendenti al rosso, associate a prurito e/o bruciore. In questo caso la prevenzione è fondamentale, inizia a preparare la pelle un paio di mesi prima dell’esposizione “intensa”, magari con un integratore a base di licopene, betacarotene e antiossidanti come la vitamina E, e durante l’esposizione proteggila con un buon solare.
Ricorda che la dicitura SPF (Sun Protection Factor) si riferisce alla sola protezione dai raggi UVB, responsabili delle scottature e del rossore immediato che l’esposizione al sole ci regala, ma non garantisce la protezione dai raggi UVA, più pericolosi e responsabili anche della comparsa successiva di fenomeni spiacevoli come i melanomi della pelle. Quando acquisti il tuo solare controlla che vi sia sulla confezione anche il simbolo UVA cerchiato, in questo modo sarai sicura di avere una buona protezione.

 

Macchie da rosacea e couperose
Infiammazione che provoca rossore e dilatazione dei vasi sanguigni superficiali, le cause sono per lo più di tipo genetico. In questo caso ti consiglio di utilizzare creme viso antirossore a base di mirtillo rosso, che rinvigorisce le pareti dei capillari impedendone la rottura.

 

Lentigo senili
Macchie scuse date dall’accumulo di melanina, dovute al fisiologico processo di invecchiamento. Ti ricordo che la pelle invecchia più velocemente se sollecitata da agenti come il fumo di sigaretta, l’inquinamento, le radiazioni solari e l’esposizione al vento o all’eccessivo freddo, se vuoi quindi rallentare questo processo elimina quando possibile questi fattori di rischio e utilizza creme arricchite di attivi antiossidanti come acero la, vitamina C (acido ascorbico) o vitamina E (tocoferolo).

 

Melasmi e cloasmi
Entrambe queste tipologie di macchie sono date da sbalzi ormonali, le prime sono tipiche di chi assume farmaci come estrogeni (anticoncezionali o terapie ormonali sostitutive), le ultime sono invece le tipiche macchie della gravidanza, che compaiono intorno al 3°/4° mese di gestazione e che tendono a scomparire in seguito al parto più o meno lentamente, quando il quadro ormonale si stabilizza nuovamente.

 

Come trattarle


Ora che hai imparato come distinguerle e quali tipi di macchie esistono ti spiego come la chimica e la natura possono darci una mano nel contrastare questi fastidiosi inestetismi con diversi principi attivi.

Acido glicolico. Deriva da canne e barbabietole da zucchero, è una piccola molecola che penetra facilmente negli strati più profondi della pelle, dove scioglie i legami fra le cellule, in questo modo genera una leggera esfoliazione, che stimola a sua volta il processo di rinnovamento cellulare e di conseguenza la produzione di nuovo collagene.
In campo cosmetico è usato generalmente a concentrazioni comprese fra il 10 e il 15%, percentuali maggiori richiedono l’utilizzo da parte di personale medico qualificato.

Acido lattico. Si trova facilmente anche nella forma di sale come “sodio lattato”. Come l’acido glicolico è una molecola piccola che penetra facilmente negli strati profondi della pelle, rompendo i legami fra i corneociti. É particolarmente indicato per trattare iperpigmentazioni da invecchiamento cutaneo, fotoinvecchiamento e macchie gravidiche. Per sfruttare l’effetto esfoliante di questa molecola sono necessarie formulazioni con concentrazioni dal 10 al 15%, concentrazioni superiori (30%) vengono invece impiegate per trattare cheratosi, ispessimenti e callosità eccessive della cute.

Acido retinoico. Forma acida della vitamina A (retinolo). L’utilizzo, esclusivo di medici competenti, provoca escoriazioni profonde della pelle e la formazioni di glicoproteine mucose più elastiche della cheratina, che rendono lo stato corneo della pelle decisamente più morbido.

Acido salicilico. Selettivo verso i cheratinociti, sono infatti sensibili alla sua azione solo le catene proteiche di cheratina. La sua azione esfoliante e levigante è particolarmente efficace nel trattamento di melasmi e iper-pigmentazioni post infiammatorie.

Altri principi attivi interessanti per contrastare le macchie della pelle sono la vitamina E, potente antiossidante, la pro-vitamina A, fondamentale per il mantenimento dell’integrità e della funzionalità della barriera cutanea e la liquirizia, i cui principi attivi (in particolare la liquiritina) hanno un forte effetto schiarente poiché in grado di disperdere la melanina, molto utile nel caso di macchie da fotoinvecchiamento.


Cerca nel giornale

SPORT

Gli esperti

SCIENZA

COLLEZIONISMO

Più letti

Ultime news

Martedì, 10 Settembre 2019
Otto consigli per perdere peso
Mercoledì, 01 Gennaio 2020
Come combattere gli attacchi di fame
Venerdì, 03 Maggio 2019
Lo yeti esiste. Forse
Mercoledì, 20 Febbraio 2019
Sono dello scorpione, o forse no?

Video del giorno

A CURA DI:

  • parole musica aParole & Musica onlus

  • Periodico fondato da Parole e Musica nel 1995
    Registrazione:
    n. 4839 del 18/01/1995 rilasciata dal Tribunale di Torino.
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: 339 7348994 o 393 5542895

  •  Il tuo 5 per mille a Parole & Musica onlus
  • biglietto 5 per mille2
  • Per destinare il 5 per mille a Parole & Musica onlus è sufficiente indicare il codice fiscale 92017360014 e apporre la firma nell'apposito riquadro del 730, CUD o modello unico.