facebooktwitter

nonsolocontro2017

6526447 Visualizzazioni

reflusso

 

La malattia provoca bruciore e rigurgito

Uno stile di vita sano e una corretta alimentazione possono essere un'ottima prevenzione

Paolo Maria Salzotto

La malattia da reflusso gastroesofageo si verifica quando i succhi gastrici risalgono dallo stomaco e vengono in contatto con la parete dell’esofago, provocando bruciore dietro lo sterno e rigurgito acido. Il passaggio di acido dallo stomaco all’esofago avviene fisiologicamente durante la giornata, soprattutto dopo mangiato.
Ti spiego meglio i sintomi del reflusso gastroesofageo.

Sintomi tipici della malattia
Bruciore dietro lo sterno (cosiddetta pirosi retrosternale) che si irradia posteriormente fra le scapole o al collo fino alle orecchie.
Rigurgito acido (ovvero percezione di liquido amaro o acido in bocca).
I sintomi si possono presentare in modo continuativo durante la giornata, oppure in modo intermittente. Ad esempio, il reflusso può verificarsi al risveglio, dopo i pasti e durante la notte (tipicamente da mezzanotte alle 3 di mattina) o solo in posizione sdraiata e mentre ci si piega in avanti (es. mentre si allacciano le scarpe).

I sintomi meno comuni sono: 
Sensazione di nodo alla gola con difficoltà alla deglutizione
Difficoltà digestive, nausea
Laringite cronica, tosse, raucedine, abbassamento della voce
Singhiozzo
Erosione dello smalto dentario
Asma
Dolore toracico (simile a quello di natura cardiaca)
Otite media
Insonnia
 
La prevenzione e la cura del reflusso gastroesofageo, sono favorite da uno stile di vita sano. Una corretta alimentazione può infatti ridurre molto la sintomatologia.
Prevenzione
Evita pasti abbondanti soprattutto alla sera.
Prediligi 4 o 5 pasti giornalieri leggeri e con piccole porzioni perché l’acidità aumenta durante il digiuno prolungato.
Mastica lentamente, prendendoti il giusto tempo per ingerire i cibi perché la digestione inizia in bocca, grazie alla saliva e alla triturazione del cibo.
Non fare sforzi fisici rilevanti a stomaco pieno.
Evita di coricarti subito dopo aver mangiato, è meglio aspettare almeno 2 o 3 ore. L’ideale sarebbe fare una passeggiata dopo i pasti per aiutare il tuo stomaco a svuotarsi.
Il reflusso aumenta di notte, quindi prima di distenderti solleva il materasso nella parte superiore di circa 15 cm oppure utilizza alcuni cuscini per posizionare l’esofago verticalmente.
Evita di indossare cinture e abiti molto stretti.
Riduci lo stress psicofisico perché altera la secrezione gastrica.
Il fumo va eliminato.
Rinuncia alle fritture e ai cibi grassi e pesanti perché rallentano la motilità gastrica quindi sono difficilmente digeribili.
Menta, cioccolato, spezie, aglio, cipolla e cibi acidi (agrumi, succhi di frutta e pomodoro) stimolano la secrezione di acido quindi fai attenzione a non consumarli.
Limita il consumo di legumi perché provocano meteorismo e aerofagia e di conseguenza una maggiore pressione sul cardias (valvola fra stomaco e esofago) aggravando i sintomi.
Evita le bevande gasate, alcoliche e quelle che contengono caffeina.
Ricorda che è molto importante tenere il peso sotto controllo.
Non abusare di alcuni farmaci come gli anti infiammatori.

 

Cura
Se i disturbi permangono nonostante le correzioni alimentari, ti consiglio alcuni farmaci, che possono essere:
antiacidi. Neutralizzano l'acido nello stomaco. Hanno un’azione rapida ma sono utili solo come rimedio sintomatico, non essendo in grado di guarire la mucosa esofagea da eventuali erosioni (esofagite). L’abuso di queste sostanze può inoltre causare problemi di diarrea o stipsi.
Farmaci che bloccano la produzione di acido. Gli inibitori della pompa protonica (omeprazolo, lansoprazolo, rabeprazolo, pantoprazolo, esomeprazolo) hanno un’azione iniziale un po’ lenta (comincia dopo 48 ore).
Farmaci procinetici. Vengono utilizzati per migliorare lo svuotamento dell’esofago e dello stomaco, impedendo il reflusso di materiale, soprattutto dopo i pasti (domperidone, metoclopramide, levosulpiride ).
Protettori della mucosa esofagea. Proteggono la parete dell’esofago dall'attacco degli acidi: alginati.
Antiacido da banco.

Rimedi naturali
Malva, altea e piantaggine sono piante ricche di mucillagini con effetto lenitivo, antinfiammatorio e protettivo della mucosa del tratto gastroesofageo e dello stomaco favorendone la guarigione.
L’aloe in gel per uso interno è rinfrescante, emolliente e rigenerante della mucosa. Fare però attenzione a non acquistare il succo di aloe più comunemente utilizzato a scopo lassativo che in questo frangente è sicuramente poco indicato.
La liquirizia è un antinfiammatorio indicato per la mucosa dello stomaco e dell’esofago proprio grazie alla sua capacità di far produrre più mucina, sostanza utile e protettiva dall’acidità gastrica. Inoltre è un antitussivo: la tosse è uno dei sintomi più presenti quando il reflusso gastrico diventa persistente. La liquirizia non deve essere utilizzata da persone che hanno problemi di ipertensione. La forma di assunzione può essere il decotto della radice o le capsule in mono dosaggi.
La boswelia è una pianta esotica ottima contro le infiammazioni di qualsiasi origine. Inoltre stimola la rigenerazione cellulare della mucosa gastrica. Possiamo trovare questa pianta in capsule e mono dosaggi oppure in tintura madre.
Il miele di Manuka è un prodotto estremamente efficace anche per un trattamento topico in quanto può aiutare ad accelerare il processo cicatriziale ed antinfiammatorio della mucosa esofagea che in caso di reflusso risulta fortemente infiammata e dolente.


Cerca nel giornale

SPORT

Gli esperti

COLLEZIONISMO

Ultime news

Martedì, 10 Settembre 2019
Otto consigli per perdere peso
Mercoledì, 01 Gennaio 2020
Come combattere gli attacchi di fame
Domenica, 28 Giugno 2020
Cartine stradali, quanta nostalgia
Venerdì, 03 Maggio 2019
Lo yeti esiste. Forse

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com