facebooktwitter

nonsolocontro2017

1636752 Visualizzazioni

unesco palazzo N

 

E' l'Unesco istituito nel 1950 per una cultura di pace e cooperazione

Protegge anche siti definiti "patrimonio dell'umanità". In Italia sono 54, 5 in Piemonte tra cui ultimo entrato nel 2018 "Ivrea città industriale del XX secolo

La recente nomina di Lino Banfi nella Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO, ha suscitato polemiche, proteste e in certi casi perfino ilarità.

Ma che cos’è l’UNESCO? E, cosa significa?

E’l’acronimo di United Nation Educational, Scientificaand Cultural Organisation, ossia Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura. Istituito nel 1950 si pone come obiettivo di “favorire la promozione, il collegamento, l'informazione, la consultazione e l’esecuzione dei programmi Unesco in Italia”. Il suo compito è costruire la pace attraverso la cooperazione internazionale attraverso proprio istruzione, scienza e cultura dell'istruzione. I primi venti Paesi – Arabia Saudita, Norvegia, Nuova Zelanda, Messico, Libano, India, Grecia, Francia, Egitto, Repubbilica Dominicana, Danimarca, Cecoslovacchia, Cina, Canada, Brasile, Australia, Sudafrica, Stati Uniti, Turchia e Regno Unito, ne sottoscrissero la Costituzione già nel 1945. L’Italia fu ammessa nel 1947. Oggi i Paesi membri sono 195.

Perché nacque l’UNESCO?

Dalla consapevolezza, che all’indomani della fine della Seconda Guerra Mondiale, gli accordi economici e politici siglati dagli Stati non sarebbero bastati a garantire una pace duratura tra i popoli. Non solo la pace avrebbe dovuto essere costruita “sulla solidarietà intellettuale e morale dell’umanità”. Partendo proprio da questi presupposti l'UNESCO ha iniziato a sviluppare strumenti per aiutare le persone a “vivere come cittadini globali liberi dall'odio e dall'intolleranza”. Inoltre, ha il compito di far sì che ogni bambino possa avere accesso ad un'istruzione di qualità.

L’UNESCO è soprattutto nota perché proteggere alcuni beni del Pianeta e li inserisce nella lista cosiddetta dei “siti patrimonio mondiale”.

Cosa sono i siti “Patrimonio dell’umanità”?

Sono per lo più luoghi che presentano particolarità di eccezionale importanza sia da un punto di vista culturale sia naturale. La lista è attualmente composta da 1.092 siti - 845 beni culturali, 209 naturali e 38 misti - in 167 stati del mondo. L’Italia con 54 siti UNESCO è il Paese il Paese che ne possiede il maggior numero, seguita da Cina (53) e Spagna (47 siti). Il Piemonte vanta ben 5 siti: le residenze Sabaude (1997), I Sacri Monti (2003), I Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino (2011), i paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato (2014) e infine, ultima entrata, Ivrea Città industriale del XX secolo (2018)

Di recente  c’è stata anche l'istituzione di una lista di patrimoni "orali e immateriali", definiti come "le prassi, come pure gli strumenti, gli oggetti, i manufatti e gli spazi culturali associati agli stessi – che le comunità, i gruppi e in alcuni casi gli individui riconoscono in quanto parte del loro patrimonio culturale".

">http://web-dorado.com}


Cerca nel giornale

SPORT

Gli esperti

Image Venerdì, 24 Maggio 2019
Gli animali sognano?

COLLEZIONISMO

Ultime news

Venerdì, 03 Maggio 2019
Lo yeti esiste. Forse
Mercoledì, 20 Febbraio 2019
Sono dello scorpione, o forse no?
Martedì, 29 Gennaio 2019
Quando la musica fa venire i brividi
Lunedì, 25 Febbraio 2019
L'aereo cargo più grande del mondo

Video del giorno

A CURA DI:

  • parole musica aParole & Musica onlus

  • Periodico fondato da Parole e Musica nel 1995
    Registrazione:
    n. 4839 del 18/01/1995 rilasciata dal Tribunale di Torino.
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la pubblicità: 370 719 0840 Lucia Trevisan

  •  Il tuo 5 per mille a Parole & Musica onlus
  • biglietto 5 per mille2
  • Per destinare il 5 per mille a Parole & Musica onlus è sufficiente indicare il codice fiscale 92017360014 e apporre la firma nell'apposito riquadro del 730, CUD o modello unico.