facebooktwitter

nonsolocontro2017

7398917 Visualizzazioni

Mauro Bellugi 

 È scomparso ieri, al Niguarda 

Recentemente aveva subito l'amputazione degli arti inferiori

lu.be.

Ha lottato anche in questa occasione come ha lottato per anni sui campi da calcio, con le maglie dell’Inter prima, e del Bologna, del Napoli e della Pistoiese poi. Oppure con quella azzurra della nazionale, che ha vestito in 32 occasioni, contribuendo a portare l’Italia ad un quarto posto ai Mondiali del 1978 in Argentina, che con un po’ di fortuna un più si sarebbe potuto chiudere con un piazzamento più lusinghiero. 

Ha lottato anche in questa occasione come ha lottato, per anni, nelle aree di rigore di tutta Italia e mezza Europa (e anche di altri paesi), cercando di fermare gli avversari che gli venivano assegnati, senza uscire da quella parte del prato verde che era il suo regno (e infatti in tutta la sua carriera ha realizzato un solo gol). 

Ma le partite finiscono, come finiscono i campionati e finiscono le carriere. E non sempre le partite si vincono: alcune si pareggiano, altre si perdono. 

Mauro Bellugi di partite ne ha giocate, e vinte tante. Stava giocando, e provando a vincere, anche quella più importante, che non metteva in palio uno scudetto o una coppa, ma qualcosa di più importante: la vita. 

Poche settimane fa, per colpa di alcune patologie pregresse aggravate dal Covid, aveva subito l’amputazione delle gambe. Non si era perso d’animo, aveva continuato a lottare, a pensare a un futuro con degli arti artificiali. Ma non ci è mai arrivato a quel traguardo. La sua ultima partita è finita in un letto dell’ospedale Niguarda. 


Cerca nel giornale

  Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro

 

 

 

 

 

 

Gli esperti

Image Mercoledì, 03 Marzo 2021
Ipertiroidismo felino: diagnosi e terapia

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com