facebooktwitter

nonsolocontro2017

4916359 Visualizzazioni

Furono distrutte 18 proprietà

I danni ammontarono a un milione di lire

Sono 18 le proprietà distrutte da un incendio che si sviluppa nella notte del 4 luglio 1930. L’allarme viene dato attorno alle 23 dal segretario politico del Fascio, Luigi Donati, che avverte i pompieri di Torino di un incendio sfuggito ad ogni controllo che sta minacciando di distruggere il cuore del paese. Dal capoluogo partono due distaccamenti e un’autopompa, agli ordini degli ingegneri Viterbi e Angelini che in venti minuti, attraversando Leini, da dove si vedono i bagliori dell’incendio attraverso un denso fumo biancastro, giungono sul posto. L’incendio aveva avuto inizio verso le 20.30 in un granaio: residenti e pompieri escludono subito il dolo. Il rogo sembra essere scoppiato per cause naturali: granai e fienili erano stipati di fieno e grano non perfettamente essiccato a causa delle piogge cadute nei giorni precedenti. “I contadini - riportano le cronache dell’epoca - pensano che lo sviluppo del sinistro sia dovuto ad un particolare apparentemente di scarsa importanza. Forse, essi dicono, fra il fieno riposto è stato abbandonato un qualche arnese di ferro. La fermentazione del prodotto avrebbe quindi reso incandescente il metallo che, a sua volta, avrebbe dato esca all’incendio». Le fiamme dal primo fienile si propagano a quelli circostanti, e in un baleno raggiungono stabili, tettoie e case coloniche “in un vasto cerchio ardente. Il fuoco ha potuto comunicarsi con tanta rapidità a causa della conformazione e della disposizione delle 18 proprietà che sono andate distrutte. Si tratta infatti di case coloniche di modeste proporzioni, costruite parecchie centinaia d’anni or sono, e collegate le uno e le altre da archi, da tettoie, da sottopassaggi mentre di rado, fra le une e le altre, si elevano muro di notevole rilievo”. A dare il primo allarme sono dei soldati: in quei giorni, nelle scuole comunali e in qualche edificio adiacente, si trova il 4° squadrone del Nizza Cavalleria, agli ordini del tenente colonnello Barlò. Il trombettiere del posto di guardia, visti i primi bagliori e intuito il pericolo, dà fiato alla tromba e il comandante Anguissola, con i suoi uomini, si precipita a prestare i primi soccorsi. A loro si uniscono gli “uomini validi della popolazione che, svegliati dagli squilli di tromba, si erano gettati per le strade semi vestiti, in preda a viva agitazione”. Accorrono anche la autorità del paese: il podestà, dottor Ferrero, il segretario politico del Fascio Donati, il maresciallo del Carabinieri Resta che, con il comandante Anguissola, organizza le operazioni. Una prima catena di volontari, coi secchi e le poche pompe a disposizione, gettano acqua sulle fiamme, mentre altre squadre corrono di casa in casa per aiutare i residenti a mettersi in salvo, e per portare al sicuro anche il bestiame. I lavori proseguono tutta la notte, e all’alba le fiamme non sono ancora completamente domate. Non ci sono vittime, ma la conta dei danni è drammatica: le prime stime parlano di almeno un milione di lire. Nel 1930...


Cerca nel giornale

 Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro

SPORT

Image Giovedì, 02 Luglio 2020
Dimissioni in casa del River Leini

Gli esperti

SCIENZA

Image Domenica, 28 Giugno 2020
Cartine stradali, quanta nostalgia

COLLEZIONISMO

adsense3

Ultime news

Martedì, 02 Giugno 2020
Il 2 giugno: festa della Repubblica
Giovedì, 21 Febbraio 2019
San Benigno: la rapina, mancata, del 1923
Martedì, 29 Gennaio 2019
1968: la rabbia dei genitori di Mappano
Martedì, 29 Gennaio 2019
1962: a Leini la serata del dilettante

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com

adsense1

adsense2