facebooktwitter

nonsolocontro2017

6488441 Visualizzazioni

messico urss

 

 L'esordio nei mondiali del 1970

Il sovietico Asatiani la prima vittima, il tedesco Tschenscher il primo "carnefice"

Luigi Benedetto

Kakhi Asatiani era un dirigente della compagnia aerea Airzena, ucciso a colpi di pistola, nel 2002, mentre era in auto. Prima ancora era stato ministro del Turismo della Georgia. Prima ancora era stato un calciatore, con una carriera spesa, tra gli anni '60 e i '70, nella Dinamo Tblisi e nella nazionale russa, con la quale aveva giocato gli europei del 1968 e i mondiali del 1970. Un centrocampista di fatica, entrato, suo malgrado, nella storia di questo sport.

Domenica 31 maggio 1970. Minuto 36 della partita inaugurale del mondiale messicano, tra i padroni di casa e l'Unione Sovietica. L'arbitro, il tedesco Tschenscher, si avvicina ad Asatiani, mette la mano nel taschino e fa un gesto che nessuno aveva mai fatto prima. Estrae un cartellino giallo e glielo sventola sotto il naso, ammonendolo. Con quel gesto entrano entrambe nella storia: il calciatore per essere stato il primo a subire il cartellino giallo, l'arbitro per essere stato il primo ad usarlo. Prima di allora, infatti, le ammonizioni venivano comunicate verbalmente al malcapitato di turno, ingenerando confusione e polemiche.

Specialmente quando si incontravano nazionali di paesi di cui l'arbitro, necessariamente di un paese terzo, non capiva la lingua. Il caso più lampante risale a 4 anni prima, ai mondiali inglesi del 1966. L'arbitro, tedesco, cerca di dire ad un giocatore argentino che è stato espulso per avergli (forse, dal momento che l'arbitro non capisce e non parla lo spagnolo) offeso mamma e moglie. Il calciatore, che non parla il tedesco, annuisce, e continua a giocare come nulla fosse. Di qui la decisione di trovare un sistema che, al di là delle lingue, fosse immediatamente comprensibile da tutti (meno che dagli spagnoli che utilizzeranno per anni, chissà perché, un cartellino bianco) e che viene in mente ad un dirigente arbitrale mentre con la propria auto è fermo ad un semaforo.


Cerca nel giornale

 Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro

SPORT

Gli esperti

COLLEZIONISMO

Image Sabato, 28 Novembre 2020
Pronta la nuova traduzione del Messale

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com