facebooktwitter

nonsolocontro2017

2136815 Visualizzazioni

 Borgaro Torinese MUNICIPIO

Un fulmine a ciel sereno si abbatte sulla campagna elettorale

Il comune condannato a pagare le spese di lite e a pubblicare integralmente la sentenza

Non poteva che finire in polemica, la vicenda della senteza che condanna il Comune per "condotta antisindacale" a pagare tutte le spese. 

E' arrivata come un fulmine a ciel sereno  il pronunciamento, proprio nel bel mezzo della campagna elettorale. 

"Abbiamo appreso della conclusione della vicenda giudiziaria che - afferma la consigliera uscente, non che candidata sindaca per il centrodestra, Cristiana Sciandra - ha visto coinvolti gli Agenti di Polizia Municipale, da un parte ed il Sindaco ed il Comandante della Polizia Locale, dall'altra. A questo proposito ci sentiamo di affermare con fermezza che, grazie agli atteggiamenti poco felici (per non dire arroganti) assunti da qualcuno, si è senza dubbio persa un’altra occasione di dialogo e confronto tra Ente e dipendenti oltre afar spendere ai borgaresi fior di quattrini - per i non addetti al lavoro oltre 10mila euro - per una vicenda che da subito è parsa paradossale agli occhi di tutti. Con buona pace di chi tenta di screditare il lavoro degli altri! Con buona pace delle tasche dei borgaresi che, per l'ennesima volta, dovranno far fronte all'incompetenza ed incapacità di qualcuno".

Aggiunge Cinzia Tortola, consigliera uscente e candata alla fascia tricolore per il Movimento 5 Stelle:

"dalla sentenza riscontriamo come avevamo già ampiamente detto tempo fa, che la cosa migliore sarebbe stata ascoltare il corpo dei vigili urbani e con il dialogo arrivare ad un punto di incontro per poterli far lavorare al meglio e in sinergia con l'amministrazione comunale. Inoltre, viste le problematiche e la vertenza sindacale, la cosa che curiosamente  ci ha lasciati stupefatti è stato l'incarico dirigenziale voluto dall'amministrazione in data 1 aprile 2019 per il comnadante, con un'indennità di 12mila euro. I fatti ci danno ragione questa amministrazione è inadeguata perchè si rivolge in modo arrogante e senza ascoltare le richieste dei suoi dipendenti. Tutto ciò spiega l'elevato numero di richieste di mobilità, avanzate dai dipendenti per potersene andare da questo Comune".

 

Tenta di smorzare un po' i toni il sindaco uscente, ricandidato allo scranno più alto del Comune, Claudio Gambino:

"Ho letto attentamente la sentenza. Il giudice ha confermato l’accusa di condotta antisindacale in merito ad alcune esternazioni fatte dal comandante della polizia locale, Massimo Linarello, sugli organi di informazione e sulla pagina Facebook della nostra Città. Dichiarazioni che sono state ritenute lesive della dignità del sindacato, con il giudice che ha disposto la rimozione di quelle dichiarazioni dalla pagina Facebook del Comune di Borgaro e la pubblicazione del testo integrale della sentenza. Mi preme sottolineare, però, come sia un atto che non riguarda un atteggiamento persecutorio del Comune contro un dipendente o un singolo lavoratore. E’ comunque una sentenza e come tale deve essere rispettata. Così come tengo a precisare come siamo stati condannati a pagare le spese legali alla controparte, non a pagare una multa. Nei prossimi giorni pubblicheremo, sia sul sito internet comunale sia sulla pagina Facebook, la sentenza, in modo da ottemperare a quanto disposto dal giudice”.


Cerca nel giornale

conad

banner ciroecinziaok

ilaria agostofoto

 

 

 

 

 

SPORT

Gli esperti

Image Martedì, 06 Agosto 2019
Il guinzaglio, questo sconosciuto

SCIENZA

Image Sabato, 10 Agosto 2019
San Lorenzo: la notte dei desideri

COLLEZIONISMO

Ultime news

Martedì, 19 Febbraio 2019
Borgaro: Gambino ci riprova
Giovedì, 02 Maggio 2019
Borgaro, Primo Maggio: un successo
Venerdì, 07 Giugno 2019
Borgaro, città della solidarietà
Venerdì, 03 Maggio 2019
Borgaro, municipio a misura di bebè

Video del giorno

A CURA DI:

  • parole musica aParole & Musica onlus

  • Periodico fondato da Parole e Musica nel 1995
    Registrazione:
    n. 4839 del 18/01/1995 rilasciata dal Tribunale di Torino.
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: 339 7348994 o 393 5542895

  •  Il tuo 5 per mille a Parole & Musica onlus
  • biglietto 5 per mille2
  • Per destinare il 5 per mille a Parole & Musica onlus è sufficiente indicare il codice fiscale 92017360014 e apporre la firma nell'apposito riquadro del 730, CUD o modello unico.