facebooktwitter

nonsolocontro2017

5681559 Visualizzazioni

stefano lionetto

 

Ha aperto i battenti quasi cinquant'anni fa

Una carriera fatta di centinaia di migliaia di scatti

Luigi Benedetto

Quando il negozio ha aperto i battenti, nel pieno centro di Borgaro, a due passi dal Comune, la tv era ancora in bianco e nero, il telefono aveva una rotella da girare per comporre i numeri, le macchine fotografiche funzionavano con la pellicola e i fotografi dovevano per forza di cose essere tecnici ma anche artisti. E tecnico, e artista, la persona che 48 anni fa ha aperto quel negozio, Stefano Lionetto, lo era di certo: «Ho imparato il mestiere da ragazzo, nella bottega di uno zio. Poi mi sono messo in proprio e sono venuto a Borgaro, in questo negozio. Da allora non mi sono più mosso».

Ma a fine anno quel negozio, aperto tanti anni fa, chiuderà i battenti per sempre. Il tempo della meritata pensione è arrivato, ma con quel tempo sono arrivate anche tali e tante complicazioni per chi opera nel commercio da far venire meno la residua volontà di andare avanti: «Anche perché questo settore, nel corso del tempo, è completamente cambiato - dice - Mi sono trovato a cinquant’anni a dover lasciare la camere oscura e iniziare a cimentarmi con il pc». In questi decenni le foto scattate, sia a Borgaro (a feste e avvenimenti, ai momenti belli e a quelli brutti che hanno caratterizzato la storia, e il cambiamento, della città), sia nei centri vicini non si contano: «Almeno 40mila solo da quanto si è passati al digitale... e con pellicola...mah, diciamo che a casa ho scatoloni e scatoloni pieni di negativi». E ad alcuni di quegli scatti è particolarmente affezionato: «La mia foto preferita? Non ho dubbi. 23 ottobre 1982: all’aeroporto di Caselle arriva il Concorde. I miei scatti più belli sono quelli fatti a quell’aereo. Più belli di quelli dei fotografi dell’aeroporto. Anche su quelle che mi fanno più male non ho dubbi: gli scatti ai miei genitori prima che scomparissero».

Fotografie e quindi ricordi. Attimi. Persone. «Ho passato buona parte della mia vita qui, le persone conosciute sono state tante, e tanti sono gli amici. Che non lascerò di certo. Approfitterò della pensione per regalarmi lunghi giri in bicicletta alla Mandria, ma di certo non mancherà occasione per tornare a Borgaro, a incontrare gli amici di sempre. I tanti clienti molti, dei quali diventati amici. E poi, quando andrà in pensione anche mia moglie, sarà il momento giusto per fare qualche viaggetto. In fin dei conti, in 48 anni di lavoro mi sono concesso solo due giorni di mutua, e ora un po’ di riposo ci sta».

 


Cerca nel giornale

     VEDI E CLICCA SULL'IMMAGINE: CONAD via Rivarolo 49 - Mappano

conad settembre dicembre2020

conad buoni settembre

 


Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro               

 

 

 

 

 

 

SPORT

Gli esperti

Image Mercoledì, 09 Settembre 2020
La displasia dell'anca nel cane

SCIENZA

Image Martedì, 15 Settembre 2020
Mario, e Luigi, compiono 35 anni

COLLEZIONISMO

Ultime news

Martedì, 05 Maggio 2020
Riaperto il mercato cittadino
Martedì, 31 Dicembre 2019
Borgaro, vandali scatenati in città
Martedì, 19 Febbraio 2019
Borgaro: Gambino ci riprova

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com