facebooktwitter

nonsolocontro2017

6468054 Visualizzazioni

dipre

 

Il protagonista è Andrea Dipre

Le scene "salienti" realizzate in pieno giorno nel prato

Luigi Benedetto

Proviamo a raccontarla in maniera accettabile. Sta circolando, in internet, un video pornografico girato al parco Chico Mendez. In pieno giorno, ovviamente. Protagonista della pellicola, assieme a tre fanciulle tutt'altro che brutte, un volto noto di Youtube, del mondo del porno e, almeno per alcuni episodi, anche della tv: Andrea Dipre, odiato (dai più), perennemente sopra le righe, definito il re del trash e che vanta una storia non comune.

Nato vicino a Trento, laureato in giurisprudenza, è stato radiato (secondo alcuni) o cancellato (secondo altri), dall'ordine degli avvocati (e nel 2016 è stato radiato anche da quello dei giornalisti). Si è avvicinato alla politica, prima con la Margherita, poi con la Lega Nord (in un video del 2018 aveva rivolto un appello sia alla destra, sia alla sinistra, per una candidatura). Su tele Padania aveva iniziato una carriera come esperto d'arte (Vittorio Sgarbi non si era espresso in termini proprio lusinghieri, diciamo così, sulla sua persona). Era balzato agli “onori” delle cronache con un video a luce rossissima con Sara Tommasi, all'epoca del fatti sua promessa sposa (e a giudicare da internet neppure lei si è poi espressa in termini troppo lusinghieri nei suoi confronti). Di lì la nascita del suo movimento “religioso”, il “dipreismo” fondato su tre pilastri (sesso, droga e soldi), qualche incidente giudiziario (una denuncia da parte di Benedetta Parodi per una parodia di una sua ricetta, il pollo alla cocaina), la cancellazione del suo profilo da Facebook, nel 2015, probabilmente per alcuni video e foto che che lo ritraggono in Thailandia in compagnia di una bambina, la discesa nel mondo del porno. Circolano in rete numerosissimi video, girati tra Usa e Inghilterra, dove esperte del settore lo prendono ferocemente a calci (in un caso anche indossando i pattini) proprio là dove non si può dire, e altri all'insegna della blasfemia più spinta. Questo il soggetto.

E torniamo al Chico Mendez. Le tre fanciulle, discinte anzichenò, percorrono il vialetto esibendo a favore di telecamera i propri talenti. La scena (sì, la sceneggiatura difficilmente vincerebbe un premio Oscar) si sposta poi in un prato più defilato del Chico, dove anche lui esibisce il proprio (modesto) talento. Poi, tra una pedata sulle parti molli e un toccamento multiplo, il lieto fine.

Insomma, nessuno degli aspiranti sindaci alle ultime elezioni tra le varie proposte aveva previsto per il Chico Mendez un destino da set di filmetti a luci rosse. E invece...


Cerca nel giornale

VEDI E CLICCA SULL'IMMAGINE: CONAD via Rivarolo 49 - Mappano

conad dicembre 2020


 Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro               

 

 

 

 

 

 

SPORT

Gli esperti

COLLEZIONISMO

Image Sabato, 28 Novembre 2020
Pronta la nuova traduzione del Messale

Ultime news

Martedì, 05 Maggio 2020
Riaperto il mercato cittadino
Martedì, 31 Dicembre 2019
Borgaro, vandali scatenati in città
Martedì, 19 Febbraio 2019
Borgaro: Gambino ci riprova

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com