facebooktwitter

nonsolocontro2017

2137096 Visualizzazioni

 teresa noce

Il Palatenda sarà intitolato ad una delle Madri Costituenti

In serata spettacolo teatrale con Elena Ruzza e Bianca De Paolis

"Per l'8 marzo non potevamo organizzare una festa perché eravamo troppo deboli e affamate, quindi decidemmo di tenere una conferenza".

Parlò, finché ebbe fiato, Estella - questo era il suo nome di battaglia - per infondere coraggio alle compagne del campo di concentramento. Improvvisò un discorso sulle donne che nella storia avevano lottato per la libertà, per i loro ideali e contro lo sfruttamento. 

A Teresa Noce, la cui vita  attraversa come un filo conduttore i più importanti eventi del secolo in cui ha lasciato un’impronta indelebile sarà intitolato il Palatenda al Prato della Fiera, sabato 13 aprile alle 18,45.

Un Palatenda "ferito" dalla furia del vento che ne ha distrutto ad inizio marzo la copertura (che sarà ripristinata secondo le intenzioni dell'amministrazione per metà maggio). "Ferito" simbolicamente come l'Italia del Dopoguerra quando le madri e i padri costituenti ripartirono dalle rovine di un Paese in rovina e non solo riuscirono a ricostruire questa nostra nazione, ma crearono la Costitutzione più bella del mondo, regalandoci quei diritti e quella democrazia che oggi diamo per scontati, ma che furono il risultato di lotte e di tante persone che per questi ideali diedero la vita. 

figlia di 3 madri1

Dopo l'inaugurazione alle 20,45 in sala Cervi spettacolo teatrale "Figlia di tre madri".

Uno spettacolo sulla passione politica dalle Madri Costituenti, le torinesi Teresa Noce, Rita Montagnana e Angiola Minella, con Elena Ruzza e Bianca De Paolis al contrabbasso, l'allestimento di Lucio Diana e la regia di Gabriella Bordin (una produzione Almateatro e Terraterra).

Lo spettacolo racconta le vite di queste tre donne delle ventuno elette nell’Assemblea Costituente del 1946. In scena la protagonista evoca  le lotte, l’impegno, la passione che  ha animato le scelte delle tre Costituenti  confrontandosi con il presente, con l’impegno politico di oggi.

Il racconto inizia con le lotte di fine Ottocento e inizio Novecento, per proseguire poi con la storia di Angiola Minella, molto più giovane delle altre due costituenti, erede delle scelte e delle battaglie antifasciste delle generazioni precedenti che si trovarono unite ai giovani negli anni della Resistenza per finire poi a descrivere il loro ruolo nell’Assemblea costituente e le spinte ideali che sostennero la loro attività politica nella Repubblica appena nata.

Lo spettacolo nasce da un lungo percorso di preparazione teatrale e di ricerca sulla Resistenza al femminile, sui diritti politici e sociali conquistati, primo fra tutti il diritto di voto.

Entrambe le iniziative sono organizzate dalla Commissione Pari Opportunità del Comune in collaborazione con l'ANPI Caselle-Mappano.


Cerca nel giornale

 banner endrio

banner battistella

banner totoepeppino nuovo

SPORT

Gli esperti

Image Martedì, 06 Agosto 2019
Il guinzaglio, questo sconosciuto

SCIENZA

Image Sabato, 10 Agosto 2019
San Lorenzo: la notte dei desideri

COLLEZIONISMO

Video del giorno

A CURA DI:

  • parole musica aParole & Musica onlus

  • Periodico fondato da Parole e Musica nel 1995
    Registrazione:
    n. 4839 del 18/01/1995 rilasciata dal Tribunale di Torino.
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: 339 7348994 o 393 5542895

  •  Il tuo 5 per mille a Parole & Musica onlus
  • biglietto 5 per mille2
  • Per destinare il 5 per mille a Parole & Musica onlus è sufficiente indicare il codice fiscale 92017360014 e apporre la firma nell'apposito riquadro del 730, CUD o modello unico.