facebooktwitter

nonsolocontro2017

9536720 Visualizzazioni

liberazione 13 1

ANPI, Comuni e associazioni  per la festa della Liberazione

Baracco: "non è folclore, è la festa di un popolo che si è liberato dalla dittatura. Al cippo di via Martiri del Cudine la sindaca Gabriella Leone ricorda il fondamentale contributo dato dalle donne

"Sempre meno. Sempre più anziani. E' quello che sta succedendo a queste manifestazioni, ma oggi come non mai abbiamo bisogno di ricordare". 

E' iniziata con le parole della presidente ANPI Caselle-Mappano, Giusy Chieregatti la celebrazione del 74esimo anniversario della Liberazione.

liberazione 12 1

 

Era mercoledì quel 25 aprile del 1945 quando fu proclamato, dal Comitato di Liberazione Alta Italia, lo sciopero generale per costringere  tedeschi e fascisti alla resa.

Si respirava un'aria nuova quel giorno: l'Italia era distrutta, i morti migliaia, l'economia a pezzi, ma l'aria era ossigeno puro per un futuro di speranza, pace e democrazia. Era l'alba di un futuro democratico, quella democrazia come ha sottolineato il sindaco Luca Baracco:

"che oggi consente a certi revisionisti e purtroppo anche a uomini delle istituzioni di dire certe schiocchezze".

Bestialità sarebbe meglio dire.

"Abbiamo davvero bisogno, oggi più che mai di questa festa. Della festa nata dall'impegno e dal sacrificio - ha proseguito Baracco - di tante domnne e tanti uomini che hanno riconquistato libertà, dignità, diritti, solidarietà, pace, giustizia per un Paese che aveva perso tutto nella spasmodica ricerca di un nemico cui addossare tutte le colpe, affidandosi alla logica dell'uomo forte, anzichè alla forza del confronto, della politica, della democrazia. Teniamoci stretto il 25 Aprile: non lasciamolo svuotare dei suoi contenuti, della sua forza, della sua bellezza, della sua gioia, della sua speranza.  Teniamoci stretto” il 25 Aprile: non come mera “bandiera ideologica”, ma come realtà fondante il nostro essere cittadini liberi. Abbiamo tutti il “dovere della memoria” perché, come ci ricordava la partigiana Tina Anselmi, “Non c’è niente e nessuno che ci possa salvare da una storia il giorno che noi questa storia la tradissimo proprio nella memoria”.

liberazione 9 1

Come ogni anno si è svolto l'incontro tra Baracco e la sindaca di Leini, Gabriella Leone al cippo di via Martiri del Cudine dove furono passati per le armi un gruppo di giovani partigiani,  che con forza e coraggio ha ricordato il ruolo delle donne che hanno sostenuto, curato e assitito i partigiani, giocando un ruoolo fondamentale nella Resistenza, per la libertà, ma anche per emanciparsi da quel ruolo di sposa e madre voluto dal fascismo. Ruolo in cui oggi esponenti del Governo vorrebbero ricacciarla, vanificando tutte le battaglie e le conquiste dei diritti. 

">http://web-dorado.com}

 

Cerca nel giornale

  PER SAPERNE DI PIU' SUI SERVIZI CLICCA SUL BANNER

Life Mind Tavola disegno 1 2


VEDI E CLICCA SUL BANNER

Mappano traslochi

 


VEDI E CLICCA SUL BANNER

Doc phone pubjpg


 

Rinolfi 2020

 

      

 

 

 

 

                                   Novità e tradizione

Sarebbe bello se al giorno d'oggi si potesse entrare in una caffetteria che è soprattutto

un Panificio, dove l'odore del pane si sente e il rumore dei grissini appena sfornati vibra

ancora nell'aria. Un pane impastato con farine naturali al 100% di alt qualità, quel pane

da conservare in dispensa e capace di mantenere la sua morbidezza e digeribilità per giorni,

perche lasciato lievitare naturalmente senza l'aggiunta di lieviti chimici.

Sarebbe bello se ad un certo punto della giornata ci venisse fame e potessimo entrare nello

stesso panificio e trovare pizza e focaccia appena sfornate, nate dalla sapienza,

dall'esperienza e da materie prime selezionate.

E, poi ci sono i dolci, chi non ha bisogno di una coccola ogni tanto? Di un momento in cui poter

assaporare una crostatina di friabile pasta frolla, farcita con freschissima crema pasticcera

e frutta fresca?

Sarebbe bello se l'attimo della colazione al bar potesse ricordarci un po' la colazione fatta

a casa nostra, una fetta di torta, un biscotto, un caffè. Ma la colazione può essere anche

un croissant riempito al momento con quello che la vostra golosità vi suggerisce e un buon

cappuccino o una spremuta d'arancia. Insomma, tutto quello che serve per regalarci un

momento, o magari due, prima di iniziare la giornata, o semplicemente per un break tra

un impegno e l'altro.

Al Panificio Pallaria & Caffè ci accompagna l'esperienza di sempre, la bontà delle cose

genuine e l'allegria che ci consente di rendere la vostra giornata un po' più "buona".

Da una semplice merenda, buona e salutare, alla golosa pizza, dal buon caffè al pane caldo,

Panificio Pallaria & Caffè è la scelta giusta per stupire chi amate.

Dal Panificio Pallaria & Caffè potrete anche comprare i prodotti del giorno invenduti con

il 50% di sconto, è sufficiente iscriversi a questo link: 

www.panificiopallaria.it/index.php/50-off e passare aprendere ciò che si vuole tra le 19,15

e le 19,30 pagandolo la metà.

Il Panificio Pallaria &Caffè aderisce anche all'iniziativa www.cafethome.comda cui è possibile

ordinare i prodotti con un semplice click e farseli portare a domicilio se vi trovate nel raggio

di copertura oppure passare a ritirarli quando volete e vi fa comodo.

          

 Il  Panificio Pallaria & Caffè via aspetta a Caselle Torinese in via Guibert 37.

           Seguiteci su Facebook:  www.facebook.com/panificiopallaria 

           e su Instagram: www.instagram.com/panificio.pallaria_coffee

  panetteriapallaria       

banner frassa settembrebuono

SCIENZA

COLLEZIONISMO

Illustri Sconosciuti

Più letti

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com