facebooktwitter

nonsolocontro2017

2773744 Visualizzazioni

liberazione 13 1

ANPI, Comuni e associazioni  per la festa della Liberazione

Baracco: "non è folclore, è la festa di un popolo che si è liberato dalla dittatura. Al cippo di via Martiri del Cudine la sindaca Gabriella Leone ricorda il fondamentale contributo dato dalle donne

"Sempre meno. Sempre più anziani. E' quello che sta succedendo a queste manifestazioni, ma oggi come non mai abbiamo bisogno di ricordare". 

E' iniziata con le parole della presidente ANPI Caselle-Mappano, Giusy Chieregatti la celebrazione del 74esimo anniversario della Liberazione.

liberazione 12 1

 

Era mercoledì quel 25 aprile del 1945 quando fu proclamato, dal Comitato di Liberazione Alta Italia, lo sciopero generale per costringere  tedeschi e fascisti alla resa.

Si respirava un'aria nuova quel giorno: l'Italia era distrutta, i morti migliaia, l'economia a pezzi, ma l'aria era ossigeno puro per un futuro di speranza, pace e democrazia. Era l'alba di un futuro democratico, quella democrazia come ha sottolineato il sindaco Luca Baracco:

"che oggi consente a certi revisionisti e purtroppo anche a uomini delle istituzioni di dire certe schiocchezze".

Bestialità sarebbe meglio dire.

"Abbiamo davvero bisogno, oggi più che mai di questa festa. Della festa nata dall'impegno e dal sacrificio - ha proseguito Baracco - di tante domnne e tanti uomini che hanno riconquistato libertà, dignità, diritti, solidarietà, pace, giustizia per un Paese che aveva perso tutto nella spasmodica ricerca di un nemico cui addossare tutte le colpe, affidandosi alla logica dell'uomo forte, anzichè alla forza del confronto, della politica, della democrazia. Teniamoci stretto il 25 Aprile: non lasciamolo svuotare dei suoi contenuti, della sua forza, della sua bellezza, della sua gioia, della sua speranza.  Teniamoci stretto” il 25 Aprile: non come mera “bandiera ideologica”, ma come realtà fondante il nostro essere cittadini liberi. Abbiamo tutti il “dovere della memoria” perché, come ci ricordava la partigiana Tina Anselmi, “Non c’è niente e nessuno che ci possa salvare da una storia il giorno che noi questa storia la tradissimo proprio nella memoria”.

liberazione 9 1

Come ogni anno si è svolto l'incontro tra Baracco e la sindaca di Leini, Gabriella Leone al cippo di via Martiri del Cudine dove furono passati per le armi un gruppo di giovani partigiani,  che con forza e coraggio ha ricordato il ruolo delle donne che hanno sostenuto, curato e assitito i partigiani, giocando un ruoolo fondamentale nella Resistenza, per la libertà, ma anche per emanciparsi da quel ruolo di sposa e madre voluto dal fascismo. Ruolo in cui oggi esponenti del Governo vorrebbero ricacciarla, vanificando tutte le battaglie e le conquiste dei diritti. 

">http://web-dorado.com}

 

Cerca nel giornale

Vedi e clicca qui: Panificio Pallaria & Caffè

                           FACEBOOK                          

Pallaria novembre

 

vedi e clicca: EDILINVESTIMENTI

banner frassa settembrebuono

 

 

SPORT

Image Lunedì, 28 Ottobre 2019
ASD Mappano perde contro il Caprie

Gli esperti

Image Lunedì, 11 Novembre 2019
Traumi nei nostri amici a quattro zampe

SCIENZA

COLLEZIONISMO

Video del giorno

A CURA DI:

  • parole musica aParole & Musica onlus

  • Periodico fondato da Parole e Musica nel 1995
    Registrazione:
    n. 4839 del 18/01/1995 rilasciata dal Tribunale di Torino.
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: 339 7348994 o 393 5542895

  •  Il tuo 5 per mille a Parole & Musica onlus
  • biglietto 5 per mille2
  • Per destinare il 5 per mille a Parole & Musica onlus è sufficiente indicare il codice fiscale 92017360014 e apporre la firma nell'apposito riquadro del 730, CUD o modello unico.