facebooktwitter

nonsolocontro2017

7883704 Visualizzazioni

ass valsania

 

 Donati dall'associazione AMMP Valsania

A ritirare il materiale le banche italiane di credito cooperativo, in primis banca d'Alba, che in quel Paese hanno fatto ripartire l'economia

Decine di zainetti, portapenne, astucci e materiale didattico sono partiti da Caselle, qualche giorno fa alla volta dell'Ecuador. 

A donarli per una scuola è stata l'associazione "AMMP Giorgio Valsania" attraverso la Banca di Credito Cooperativo di Alba che a sua volta fa parte del network nazionale delle Banche di credito cooperativo . 

Il network che opera da tempo in Ecuador non solo attraverso una rete di microcredito che ha consentito di rilanciare l'economia.

Tutto inizia nel 1970 in Ecuador  quando nasce il Fondo Ecuatoriano Populorum Progressio (Fepp) sotto l'egida della Chiesa ecuatoriana; il riferimento ‘missionario’ è Salesiano e la "sponda’ i volontari dell’Operazione Mato Grosso.

Il Fepp  che opera in tutto l’Ecuador con sedi distaccate e a Quito, ha costituito  una vera e propria ‘holding’ della solidarietà: dal sociale alla costruzione di case, dalla casa editrice all’import/export commercio equo e solidale, dalla legalizzazione delle terre all’informatica, dallo sviluppo agricolo alla sezione ‘formazione’.

Alla fine degli anni ’90, in piena crisi finanziaria dell’Ecuador che ha ‘azzerato’ il ‘risparmio dei poveri’, il Fepp  crea la Cooperativa di Risparmio e Credito ‘Codesarrollo’ (cooperazione per lo sviluppo) per "fermare" il risparmio nelle singole comunità, investire nella economia reale, svincolarsi dagli ‘usurai’ (banche comprese), gestire in modo democratico/solidale/cooperativo, fare assumere alla ‘cassa rurale’ un ruolo importante nella comunità, fermare la emigrazione attraverso il finanziamento virtuoso delle cooperative di lavoro, di produzione, di trasformazione dei prodotti agricoli, allungare la catena della produzione del valore aggiunto locale. 

Ben presto diventa la ‘mamma’ di tantissime piccole Banche di Credito cooperativo sparse in tutto l’Ecuador. Oggi le piccole ‘Cooperative di Credito’ sono oltre 300.

E' nel 2001 che attraverso una BCC bresciana, arriva il primo intervento italiano in Ecuador, poi delle altre, compresa Banca d'Alba. Ad oggi i capitali forniti sommano a circa 40 milioni di dollari; ora ne restano da restituire una decina. Parte dei capitali sono sati forniti a ‘fondo perso’. Le BCC italiane hanno apportato competenza tecnica, formazione, idee, condividendola con la realtà ecuatoriana.

Proprio per il grande lavoro fin qui fatto, l'associazione di Enzo e Nadia Valsania ha deciso di donare il materiale didattico che servirà ai piccoli ecuadoriani e alla  loro scuola che grazie all'interveto dell BCC italiane sarà anche ampliata.

ass valsania1

 


Cerca nel giornale

PER SAPERNE DI PIU' SUI SERVIZI CLICCA SUL BANNER

lifeMind cartolina mappano


VEDI E CLICCA SUL BANNER

Mappano traslochi

 


VEDI E CLICCA SUL BANNER

Senza titolo1 1


VEDI E CLICCA SUL BANNER

Doc phone pubjpg


 

Rinolfi 2020

 


Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro

      

 

 

 

 

Gli esperti

SCIENZA

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com