facebooktwitter

nonsolocontro2017

9217368 Visualizzazioni

bertetto center

 

False le fidejussioni del Bertetto Center

Gli imputati chiedono la "messa alla prova" e il Comune si costituisce parte civile

na.ber.

Hanno chiesto la "messa alla prova" i cinque imputati per la maxi-truffa da 363mila euro al Comune di Caselle (che si è già costituito parte civile) per il "Bertetto Center" di via Torino 9. Ma il giudice del tribunale di Torino, Francesca Christillin non accetterà la proposta se non ci sarà il risarcimento.

L'avevamo detto già nel marzo 2018 che quelle fidejussioni presentate potevano essere false, ma allora l'Amministrazione aveva minimizzato, ci era stato risposto, "si vedrà". Oggi dopo il fallimento della ditta, che ha già prodotto la fuga di due dei negozi che erano ospitati nel centro commerciale e l'imputazione dell'ex agente assicutativo Elia Sorrentino, dei costruttori Maria Vittoria Pelazza (in passato anche consigliera comunale di Caselle) del marito Lorenzo Bertetto, dell'architetta mappanese Cinzia Folchi e di Franco Goria socio della Geomark srl, incaricata dalla Bertetto Center della progettazione, le cose appaiono più che mai chiare. 

Tutto nasce da una disputa sul progetto con il Comune di Caselle, che considera i lavori , ristrutturazione, e i costruttori che vorrebbero farla passare come nuova costruzione e quindi con oneri di urbanizzazione ben diversi. 

Trecentosessantacinquemila euro chiede il Comune e due fidejussioni, a garanzia della cifra. Ma l'agenzia assicurativa con cui la Folchi collabora non ci sta: non conosce la Bertetto e non rilascia le fidejussioni, così Sorrentino viene "convinto ad emetterle false e quando il Comune va alla riscossione l'assicurazione rifiuta il pagamento. Le fidejussioni, come hanno accertato le indagini condotte dal pm Franco Colace sono false. Così oltre Sorrentino finiscono imputati anche gli altri che fino a quel momento erano stati considerati parte lesa.

Ora se non ci sarà il risarcimento il giudice non ammeterà la "messa alla prova" degli imputati (che consentirebbe di evitare il processo e mantenere pulita la fedina penale). Intanto il curatore fallimentare è già all'opera e da qualche settimana sta procedendo con l'inventario tra la preoccupazione dei tre esercizi commerciali rimasti: Trony, Tigotà e la Caffetteria&Delizie, mentre il negozio di alimenti Bio è già chiuso da tempo e Jysk dell'omonima catena danese, visto come si stavano mettendo le cose ha liberato i locali in fretta e furia già un mese fa.

 


Cerca nel giornale

 

 PER SAPERNE DI PIU' SUI SERVIZI CLICCA SUL BANNER

Life Mind NEW luglio2021


VEDI E CLICCA SUL BANNER

Mappano traslochi

 


VEDI E CLICCA SUL BANNER

Doc phone pubjpg


 

Rinolfi 2020

 


Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro

      

 

 

 

 

                                   Novità e tradizione

Sarebbe bello se al giorno d'oggi si potesse entrare in una caffetteria che è soprattutto

un Panificio, dove l'odore del pane si sente e il rumore dei grissini appena sfornati vibra

ancora nell'aria. Un pane impastato con farine naturali al 100% di alt qualità, quel pane

da conservare in dispensa e capace di mantenere la sua morbidezza e digeribilità per giorni,

perche lasciato lievitare naturalmente senza l'aggiunta di lieviti chimici.

Sarebbe bello se ad un certo punto della giornata ci venisse fame e potessimo entrare nello

stesso panificio e trovare pizza e focaccia appena sfornate, nate dalla sapienza,

dall'esperienza e da materie prime selezionate.

E, poi ci sono i dolci, chi non ha bisogno di una coccola ogni tanto? Di un momento in cui poter

assaporare una crostatina di friabile pasta frolla, farcita con freschissima crema pasticcera

e frutta fresca?

Sarebbe bello se l'attimo della colazione al bar potesse ricordarci un po' la colazione fatta

a casa nostra, una fetta di torta, un biscotto, un caffè. Ma la colazione può essere anche

un croissant riempito al momento con quello che la vostra golosità vi suggerisce e un buon

cappuccino o una spremuta d'arancia. Insomma, tutto quello che serve per regalarci un

momento, o magari due, prima di iniziare la giornata, o semplicemente per un break tra

un impegno e l'altro.

Al Panificio Pallaria & Caffè ci accompagna l'esperienza di sempre, la bontà delle cose

genuine e l'allegria che ci consente di rendere la vostra giornata un po' più "buona".

Da una semplice merenda, buona e salutare, alla golosa pizza, dal buon caffè al pane caldo,

Panificio Pallaria & Caffè è la scelta giusta per stupire chi amate.

Dal Panificio Pallaria & Caffè potrete anche comprare i prodotti del giorno invenduti con

il 50% di sconto, è sufficiente iscriversi a questo link: 

www.panificiopallaria.it/index.php/50-off e passare aprendere ciò che si vuole tra le 19,15

e le 19,30 pagandolo la metà.

Il Panificio Pallaria &Caffè aderisce anche all'iniziativa www.cafethome.comda cui è possibile

ordinare i prodotti con un semplice click e farseli portare a domicilio se vi trovate nel raggio

di copertura oppure passare a ritirarli quando volete e vi fa comodo.

          

 Il  Panificio Pallaria & Caffè via aspetta a Caselle Torinese in via Guibert 37.

           Seguiteci su Facebook:  www.facebook.com/panificiopallaria 

           e su Instagram: www.instagram.com/panificio.pallaria_coffee

  panetteriapallaria       

banner frassa settembrebuono

SCIENZA

COLLEZIONISMO

Illustri Sconosciuti

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com