facebooktwitter

nonsolocontro2017

1940389 Visualizzazioni

Eccidio7

 

Il messaggio del sindaco alla commemorazione dell'Eccidio

La cerimonia organizzata da ANPI e Comune pe ricordare i 5 giovani trucidati. Tante le associazioni presenti e anche l'assessore regionale Gianna Pentenero

Chissà quante volte si è passati per piazza Mensa. Chissà quante volte si è vista quella lapide. Chissa quanti sono passati oltre senza chiedersi chi ci fosse dietro quei nomi. Quali vite, quali progetti, quali speranze. Eppure quei cinque nomi – Luigi Cafiero, Antonio Garbolino, Andrea Mensa cui la piazza è intitolata, Adolfo Praiotto e Mario Tamietti – erano cinque giovani che proprio in quel luogo furono fucilati dai nazifascisti. Giovani che scelsero da quale parte stare. Giovani che come tanti altri hanno sacrificato la loro vita per la democrazia, per permettere a tutti noi di esprimere liberamente le nostre opinioni e, consentite, anche tante stupidaggini sui social. Libertà, democrazia, pace: parole che oggi possono sembrare non così fondamentali, dopo oltre 70 anni senza guerre e che se ne dica di democrazia. Ma, questi valori non sono acquisiti per sempre, bisogna saperli difendere e alimentare. E’ quello che ieri mattina, sabato 2 febbraio, durante la commemorazione di quell’eccidio che insanguinò Caselle, organizzata dall’ANPI e dal Comune, ha detto il sindaco Luca Baracco. “Contro l’odio e il razzismo che sta crescendo, serve essere partigiani”. Una frase forte e decisa che richiama tutti a prendere coscienza di quanto sta avvenendo. La storia un insegnamento ce lo ha già dato sta a noi decidere da quale parte stare. Sta a noi scegliere tra il bene e il male. Sta a noi recuperare anche quell’umanità, oscurata dalla paura del diverso, dall’egoismo e in parte anche da una crisi economica che ci fa dire “prima gli italiani” dimenticandoci che parte della nostra economia, soprattutto quella agricola e delle badanti che curano i nostri anziani è sostenuta quasi esclusivamente da quelli che chiamiamo “stranieri”. Allora continuare a ricordare come fa con tutte le sue forze l’ANPI e il Comune di Caselle diventa il tentativo di costruire un argine contro le forme anticostituzionali della nostra società che si stanno pericolosamente facendo strada. Ieri mattina a Caselle, oltre l’assessora regionale Gianna Pentenero, erano presenti tante associazioni e sindaci della zona, ma i cittadini dov’erano?. Non è passata inosservata neppure l’assenza del sindaco di Venaria - uno dei partigiani trucidati era della Reale –. Non vogliamo sicuramente fare dietrologia, ma è certo che qualche domanda su questa assenza, ce la siamo posta.

">http://web-dorado.com}

                                                                   Le imitazioni di Edoardo Mecca a "I Soliti Ignoti" di sabato 2 febbraio 2019


Cerca nel giornale

silchy nuovo

banner frassa lugliook

 BANNER cbc generale

banner nonsolocontro

SPORT

Gli esperti

Image Giovedì, 18 Luglio 2019
Pericoli cui i cani sono esposti

SCIENZA

COLLEZIONISMO

Video del giorno

A CURA DI:

  • parole musica aParole & Musica onlus

  • Periodico fondato da Parole e Musica nel 1995
    Registrazione:
    n. 4839 del 18/01/1995 rilasciata dal Tribunale di Torino.
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: 339 7348994 o 393 5542895

  •  Il tuo 5 per mille a Parole & Musica onlus
  • biglietto 5 per mille2
  • Per destinare il 5 per mille a Parole & Musica onlus è sufficiente indicare il codice fiscale 92017360014 e apporre la firma nell'apposito riquadro del 730, CUD o modello unico.