facebooktwitter

nonsolocontro2017

2313834 Visualizzazioni

IMG 4865 FILEminimizer

 Aperta la campagna elettorale all'Air Palace

Tre le liste che la sostengono. Su 42 candidati al Consiglio Comunale 20 sono donne

Era gremito di cittadini e candidati, sabato scorso il salone dell’Air Palace Hotel di Leinì. Una folla, riunita per l’apertura ufficiale della campagna elettorale del sindaco uscente: Gabriella Leone. In un tripudio di arancio: i manifesti, le coccarde dei candidati, le bandiere, persino foulard e abiti, il colore dominante della serata, che ha fatto da cornice alla presentazione, della candidata alla carica cittadina più importante: Gabriella Leone, sostenuta da tre liste: “Uniti per Leinì”, “Leinì con Gabriella Leone” e “Leinì Democratica”, che non si è sottratta alle domande, che le hanno permesso di presentare il suo programma, la squadra.

Interrogativi anche spigolosi, e che recentemente hanno alimentato feroci polemiche sia sui social che nel dibattito politico locale. Insomma una Leone, più che mai nei panni di una leonessa, pronta ad entrare con tutta la sua forza e determinazione nell’arena elettorale. Rivendicando con forza ciò che ha fatto la sua amministrazione e quello che farà se sarà riconferma alla guida di Leinì. Ed proprio partendo da un omaggio alle donne, a tutte le donne che si sono distinte e si distinguono nel campo culturale, sociale, economico ed anche politico, che è partita la serata dedicata all’apertura ufficiale della campagna elettorale.

lista 1

“Anche a Leinì una donna ha fatto la storia di questa città: una città che era in ginocchio, e che grazie una donna spesso intransigente, con un carattere a tratti duro"

è stato l’incipit della serata, da parte del conduttore - Sono contento di chiamare questa sera una persona che è una donna, una mamma, un medico, ma anche un grande sindaco, un sindaco di Leinì, per Leinì: Gabriella Leone”. Nel suo primo intervento, davanti ai leinicesi, la Leone ha tracciato un bilancio di questi primi cinque anni di amministrazione.

 “Ritengo che il bilancio dell’amministrazione che ho guidato sia assolutamente positivo. Siamo partiti da una situazione disastrosa. Non lo dico per fare delle critiche – ha puntualizzato la Leone – alle amministrazioni che ci hanno preceduto o ai Commissari – ma chi ha almeno l’onestà intellettuale di ricordarsi cosa c’era cinque anni fa dovrebbe riconoscerlo, indipendentemente da quale schieramento faccia parte. Nonostante fossimo allora dei neofiti della politica e di fronte a noi c’era una situazione disastrosa, abbiamo realizzato tantissime cose. Dagli investimenti per le infrastrutture, nel sociale, nella cultura. E poi l’emozione più alta è stato quando abbiamo inaugurato il Teatro Pavarotti. Sono orgogliosissima di quel teatro. Una struttura che rimarrà ai leinicesi. Una cosa che abbiamo realizzato noi come amministrazione, e che resterà alla storia di questa città”.

Teatro fra l’altro molto utilizzato dalle scuole, dalle associazioni leinicesi, divenuto ormai un imprescindibile punto di cultura per tanti cittadini, grazie al suo ricco cartellone. Teatro però spesso bersaglio di polemiche. La prima cittadina è stata lungamente accusata di aver “sperperato” denaro pubblico, che poteva essere destinato ad altro, persino sul nome non c’è mai stata pace, secondo alcuni andava intitolato, al limite, a qualche “personaggio” locale, distintosi magari in passato per le sue doti e capacità. Ma su questo la Leone, non ha mai indietreggiato di un passo a fronte di critiche e polemiche.

lista 2

“Sono è resto dell’idea che è stata una felice intuizione. I pilastri su cui poggia un paese civile sono la memoria e la cultura. Come amministratore se dovessi scegliere preferirei sempre una buca in più sulla strada che un libro in meno nelle mani di uno studente”. La scuola, la cultura, sono sempre stati i punti di riferimento dell’amministrazione Leone “Ricordo ancora con grande emozione – continua la candidata sindaca – la manifestazione in piazza di centinaia di studenti delle scuole leinicesi, il giorno della legalità, per dire no alla mafia. E scusate, per un paese che fu sciolto per infiltrazioni mafiose, sono cose che fanno bene al cuore”.

Significativi del resto sono stati gli investimenti per le scuole di Leinì, naturalmente accompagnati anche qui dalle immancabili e feroci polemiche “Abbiamo incentivato il sostegno ed il contributo allo studio per i nostri studenti a tutti i livelli. In particolare quelli meno abbienti. Siamo accanto con progetti ed iniziative al corpo docenti. Recentemente si è completata l’installazione di tutte le Lim, le lavagne multimediali, in ogni classe della scuola primaria Anna Frank, che è stata interessata negli anni da un profondo rinnovamento strutturale, sia impiantistico che edilizio, con l’aggiunta della nuova ala”.

Ma è il futuro, che pesa come un macigno sul nuovo assetto del polo scolastico di questa città, immaginato dall’amministrazione Leone.

 “Abbiamo intenzione di realizzare la nuova scuola media presso la Cittadella dello Sport. Immaginiamo per i nostri studenti una realtà molto simile ad un campus scolastico e formativo, in grado di offrire tutta gamma di servizi ai nostri ragazzi, nell’arco della giornata”.

Progetto che prima ancora prendesse avvio la campagna elettorale a Leinì, aveva scatenato furenti polemiche, con raccolta firme da parte dei cittadini che chiedevano e chiedono il non trasferimento della struttura dall’attuale sede.

“State tranquilli non deporteremo in mezzo al nulla i nostri studenti – ha incalzato ironicamente la Leone – ci stiamo già confrontando con Gtt per il potenziamento della Linea 46 ed il relativo passaggio sia verso il Poliambulatorio che alla Cittadella dello Sport. Saranno previsti parcheggi e piste ciclabili. Mentre l’attuale area che ospita le scuole medie,sarà riqualificata e sorgeranno nuovi e moderni edifici abitativi, nel cuore del centro storico di Leinì”.

Al contrario non ci saranno centri di accoglienza per extracomunitari o zingari, come invece paventato da alcuni comitati di cittadini e forze politiche locali. Molti i punti toccati dalla Leone durante la serata, che è stata intervallata con la presentazione dei candidati al Consiglio comunale delle tre liste che la sostengono. Un Leone a tutto campo, che ha parlato di diversi punti del suo programma amministrativo: dal miglioramento della viabilità, alla riqualificazione del centro storico di Leinì, senza però dimenticare le frazioni del Fornacino e Tedeschi, che saranno interessati, ad esempio per quello che riguarda il Fornacino, dall’asfaltatura di via Piave e raccordo su via Settimo, la realizzazione di una nuova rotonda in via Piave, accanto all’arredo urbano di via Reisera al centro della frazione. Per la frazione Tedeschi è previsto l’allargamento di via Mattei e relativa sistemazione dell’incrocio con via San Francesco. La realizzazione di una nuova pista ciclabile su via Mattei, il rifacimento della scuola elementare, accanto alla nuova palestra polifunzionale per attività sportive e manifestazioni. Insomma un programma elettorale che chiede la fiducia per i prossimi cinque anni.

lista 3

“Io e la mia squadra ci siamo – ha concluso Gabriella Leone – una squadra che nella precedente amministrazione ha lavorato con impegno, passione e determinazione. Portando a casa, anche in momenti delicati e difficili, straordinari risultati. Una esperienza che siamo pronti a continuare a livello amministrativo, attraverso il contributo di tante donne e uomini, per migliorare ancora la qualità della vita dei nostri concittadini e di Leinì”.       

">http://web-dorado.com}


Cerca nel giornale

banner farmacia

banner conad scuolaok 1

 

 

SPORT

Gli esperti

SCIENZA

Image Martedì, 10 Settembre 2019
Otto consigli per perdere peso

COLLEZIONISMO

Video del giorno

A CURA DI:

  • parole musica aParole & Musica onlus

  • Periodico fondato da Parole e Musica nel 1995
    Registrazione:
    n. 4839 del 18/01/1995 rilasciata dal Tribunale di Torino.
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: 339 7348994 o 393 5542895

  •  Il tuo 5 per mille a Parole & Musica onlus
  • biglietto 5 per mille2
  • Per destinare il 5 per mille a Parole & Musica onlus è sufficiente indicare il codice fiscale 92017360014 e apporre la firma nell'apposito riquadro del 730, CUD o modello unico.