facebooktwitter

nonsolocontro2017

6459773 Visualizzazioni

IMG 5242 FILEminimizer

 

 L'incontro al Teatro Pavarotti è stato organizzato da tre testate giornalistiche

Non hanno partecipato per impegni precedenti: Francesco Faccilongo e Andrea Rossin

In gergo giornalistico il “Faccia a faccia”, mutuato dai programmi televisivi dei media americani “Face to face”, altro non è che la versione italiana di un confronto alla pari tra candidati di diverso colore politico, ed un gruppo di giornalisti, appartenenti anche a testate differenti che, rispettosi delle regole della par condicio, sottopongono una batteria di domande ai candidati che accettano di rispondere, il tutto sotto un attento controllo del tempo a disposizione.

Ecco questo è ciò che è esattamente accaduto a Leinì, presso il Teatro Pavarotti, lunedì 13 maggio. Poi le polemiche che hanno preannunciato e seguito questo incontro pubblico, fortemente voluto dalle tre testate che lo hanno proposto: “NonSoloContro”, “Il Quotidiano del Canavese”, il settimanale “Il Risveglio”, i primi due giornali online, non ci scalfiscono.

Come ha ribadito prima dell’inizio dell’incontro, la giornalista Nadia Bergamini, direttore di “NonSoloContro”,

“La lettera di invito a questa serata è stata inviata a tutti i candidati a sindaco del Comune di Leinì, addirittura prima che si chiudesse il termine della consegna delle liste previsto ad aprile. Dunque – ha ribadito Bergamini – nessun complotto, nessun tentativo da parte dei giornali più diffusi sul territorio di mettere in difficoltà i candidati. Anzi - ha ribadito con chiarezza – noi avevamo richiesto la partecipazione di tutti gli altri giornali, in modo da fare un unico incontro, e non uno spezzatino di più appuntamenti, difficili da gestire sia per i candidati che per i cittadini, ma altri hanno scelto un percorso diverso. Siamo in democrazia, ognuno è libero di fare come crede. Ma non quello di  additarci, attraverso i social, come coloro che avevano come esclusivo obiettivo quello di creare difficoltà ad alcuni candidati, e metterne in ombra altri”.

Così su 5 candidati alla poltrona di sindaco, tre si sono presentati: Gabriella Leone, sindaco uscente, sostenuta dalle liste “Uniti per Leinì”, “Leinì con Gabriella Leone” e “Leinì Democratica”; Renato Pittalis alla guida di una coalizione composta dalle liste “Cambia Leinì con noi” “Leinì bene comune”, e Andrea Napoletano del “Movimento 5 Stelle”. Per motivi diversi, hanno scelto di non prendere parte alla serata Francesco Faccilongo sostenuto da “Progetto Leinì” e “Uniti per Leinì”, e Andrea Rossin del centrodestra.

Una serata scivolata lungo i binari di un confronto sereno e dialettico. Certo non sono mancati momenti di asprezza, come è naturale che vi siano fra candidati con storie, progetti e idee politiche differenti. Domande che a turno sono state presentate dai vari giornalisti presenti sul palco: Davide Aimonetto per la nostra testata, Antonello Micali direttore responsabile del settimanale “Il Risveglio” ed Alessandro Previati direttore della testata online “Il Quotidiano del Canavese”.

Alla fine del confronto, è stata data la possibilità anche al pubblico di sottoporre i candidati ad alcune domande scritte, e poste sempre dai giornalisti. Molti i temi e le questioni affrontate. Dalla viabilità, allo sviluppo urbanistico della città, passando ai temi roventi del momento: il futuro del “Cubo” e del palazzo Comunale, due aree oggetto di piani di sviluppo diametralmente opposti.

Il sindaco uscente Gabriella Leone, vede in quel complesso il ricollocamento delle nuove scuole medie, in una sorta di moderno campus scolastico, in grado di ospitare servizi diversi per la popolazione scolastica e non solo quella. Nettamente contrario a questa soluzione il candidato sindaco grillino Andrea Napoletano

“Abbiamo pure raccolto 348 firme e depositate in Comune, di cittadini che non vogliono questo progetto. Ma non è servito a nulla. Non abbiamo neppure ottenuto una risposta da questa amministrazione. Sulle stesse posizioni

Renato Pittalis “E’ un investimento che, secondo noi, non è giustificabile, cioè non riusciamo a capire il rapporto costi con benefici. Altro grane tema di questa campagna elettorale edizione 2019, è il rapporto fra il concentrico e le sue due frazioni: Tedeschi e Fornacino. “Eventuali problemi – osserva Andrea Napolitano dei 5 Stelle – si risolvono solo con il confronto diretto, e quindi con la creazione dei comitati di località, con cui l’amministrazione comunale potrà a sua volta confrontarsi e collaborare”.

Più articolata la proposta della candidata Gabriella Leone

“Per quanto riguarda la frazione Tedeschi, abbiamo intenzione di realizzare un centro polifunzionale con una biblioteca più arricchita, mentre, in via Settimo, al Fornacino, abbiamo in programma diverse opere di restylng”.

Diretto invece l’affondo di Renato Pittalis nei confronti dell’amministrazione uscente guidata dalla Leone

“La verità è che in questi cinque anni, nelle due località in questione, non è stato fatto nulla, se non sistemare qualche cartello per la viabilità al Fornacino, che presenta ancora gravi carenze per quanto riguarda la sicurezza dei cittadini”. Altro pomo della discordia il futuro utilizzo dell’attuale palazzo comunale, visto che gran parte delle strutture amministrative con annessi uffici, sono stati trasferiti a Villa Chiosso.

Per Gabriella Leone, sindaco uscente, questo antico e prestigioso palazzo, riplasmato più volte nei secoli

“Sarà la sede delle associazioni della città, vorremmo anche allestire un museo, ed una sala di registrazione per i più giovani”. Più critica la posizione di Renato Pittalis “Occorre avere una visione globale del recupero del centro storico, in cui si inserire a pieno titolo anche la valorizzazione di questo edificio. Anche se, di sicuro, è necessario destinare gli spazi alle associazioni cittadine ed ai giovani”.

Più pragmatico Andrea Napoletano dei “5 Stelle”, “Siamo per la maggior fruibilità da parte dei cittadini di quella struttura, magari destinando anche una sala alle minoranze, affinchè possano svolgere le loro attività politiche”.

Un dibattito civile ma serrato, quello che ha caratterizzato il primo “Faccia a faccia” tra i candidati sindaci al Comune di Leinì, quello organizzato in sinergia da ben tre testate locali. Un modello che ha incontrato le aspettative del pubblico e dei nostri lettori, e che sicuramente riproporremo in futuro, per iniziative simili.

Foto di Chiara Mingrone

">http://web-dorado.com}


Cerca nel giornale

NSC Pubblicità Leini

CARTOLIBRERIA  DA FRANCO E' A LEINI' in via Lombardore, 8 - Tel. 011/9978093 

CLICCA SUL BANNER SOTTOSTANTE

Feroleto pub. Natale 2020


VEDI E CLICCA SUL BANNER

ballesio cioccolato


 

banner simona


VEDI E CLICCA SULL'IMMAGINE: CONAD via Rivarolo 49 - Mappano

conad dicembre 2020

 


  Vedi e clicca sull'immagine

 banner farmacia


   Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

 donazione nonsolocontro

    

 

    

 

 

 

SPORT

Gli esperti

COLLEZIONISMO

Image Sabato, 28 Novembre 2020
Pronta la nuova traduzione del Messale

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com