facebooktwitter

nonsolocontro2017

2532400 Visualizzazioni

URNA ELETTORALE

 Gabriella Leone vs Renato Pittalis. Nessun apparentamento previsto

Venerdì 7 giugno serate di chiusura delle rispettive campagne elettorali

Sarà  uno scontro diretto e senza apparentamenti, quello che vedrà come protagonisti domenica 9 giugno i candidati alla poltrona di sindaco di Leinì: Gabriella Leone e Renato Pittalis. Nonostante in questi ultimi giorni non siano mancati i contatti e le riunioni fra i componenti che sono arrivati al ballottaggio, e le altre coalizioni escluse, tutto si è risolto con un nulla di fatto. Nessun apparentamento. Nessuna alleanza a sostegno di uno o dell’altro candidato sindaco.

 A rompere ogni indugio ci ha pensato il centrodestra che candidava a sindaco Andrea Rossin.

 “Le componenti del centrodestra che a Leinì, hanno sostenuto la mia candidatura, dopo aver incontrato le delegazioni delle liste che parteciperanno al ballottaggio, propongono al proprio elettorato di riferimento di recarsi alle urne e di dare il consenso alla lista il cui programma ritengano che possa meglio rappresentarli”.

Insomma libertà di voto per gli elettori del centrodestra leinicese, che alle amministrative aveva raccolto 1520 consensi. Ma la vera sorpresa è arrivata da Pittalis. Nonostante gli incontri con il grande escluso: Francesco Faccilongo, giunto terzo nella competizione elettorale del 26 maggio, raccogliendo però un bacino di oltre 1600 preferenze, non vi sarà nessuna indicazione di voto a favore di Pittalis da parte di Faccilongo e del suo gruppo. Le trattative si sono arenate sulla richiesta, nell’eventuale vittoria di Pittalis, di inserire i 4 consiglieri dell’area di Faccilongo, nella maggioranza del Consiglio comunale. Una richiesta respinta al mittente e giustificata dal fatto che l’elettorato di riferimento di Pittalis, non avrebbe compreso questa alleanza. Del resto Pittalis, coerentemente, aveva sempre ribadito, fin dal primo giorno della campagna elettorale, che la sua lista ed il suo programma di governo erano alternativi sia all’amministrazione Leone, che a tutte le altre liste.

E’ indubbio che la novità di queste elezioni a Leinì, sia stata sicuramente il proliferare di liste civiche, che sono nate un po’ ovunque nelle coalizioni, eccetto che per il Movimento 5 Stelle e per il centrodestra, che hanno scelto di correre per la poltrona di sindaco con il loro simboli tradizionali.

Ma per il resto, tutto il panorama elettorale delle amministrative è stato punteggiato da liste civiche: da “Uniti per Leinì” a “Leinì Democratica” e “Leinì con Gabriella Leone”, che hanno sostenuto appunto la Leone, a “Leinì Bene Comune” e “Cambia Leinì con noi” che hanno portato il candidato Pittalis al secondo posto, ai gruppi “Lista per Leinì” e “Progetto Leini” di Francesco Faccilongo, un bacino quest’ultimo di oltre 1600 voti.

A chi potranno andare tutti questi voti? E’ la domanda che sicuramente si stanno ponendo in tanti, in questi ultimi giorni. Certo, magari qualcuno non si recherà più ai seggi, in questo tipo di dinamiche è normale. Ma potrebbe anche succedere che i disillusi, gli amareggiati per il risultato ottenuto dalla propria lista, decidano di coagulare il proprio voto, non a favore di un candidato sindaco, ma piuttosto contro l’altro. Un rischio che si potrebbe correre, ma che non impensierisce la candidata Gabriella Leone che, forte del suo distacco nei confronti di Pittalis, si presenta agli elettori sostenuta dalla stessa coalizione del 26 maggio, quella che l’ha fatta arrivare prima, nella competizione elettorale, distanziando di ben 600 preferenze il candidato Pittalis.

Insomma, almeno sulla carta tutto può ancora succedere a Leinì. Ci sono migliaia di voti in libertà. E nessun sostegno o apparentamento per questo o quel candidato, almeno alla luce del sole. E’ probabile, come è successo in passato, che qualcuno non si recherà alle urne. Ma chi ci andrà potrebbe fare la differenza, magari con qualche sorpresa.

Intanto, questa sera, venerdì 7 giugno serata di chiusura delle rispettive campagne elettorali per il ballottaggio del 9 giugno. La candidata sindaca incontrerà i suoi elettori, sostenitori e simpatizzati, al partire dalle 20.00, presso il Palazzetto Falcone, in compagnia dei “BandaKadabra”, all’insegna dello slogan “Andiamo avanti. Continuiamo Insieme”. Mentre il candidato Pittalis, sempre la stessa sera, ma in una location diversa: piazza Vittorio Emanuele II, incontrerà i cittadini e supporter, a partire dalle 19.00 con un aperitivo musicale, cui seguirà la “Cena in blu” alle 20.30. Lo slogan della sua coalizione è “Il cambiamento è servito”.


Cerca nel giornale

banner farmacia

banner conad scuolaok 1

 

 

Gli esperti

SCIENZA

Image Martedì, 15 Ottobre 2019
Makkox ospite del Festival della Scienza

COLLEZIONISMO

Video del giorno

A CURA DI:

  • parole musica aParole & Musica onlus

  • Periodico fondato da Parole e Musica nel 1995
    Registrazione:
    n. 4839 del 18/01/1995 rilasciata dal Tribunale di Torino.
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: 339 7348994 o 393 5542895

  •  Il tuo 5 per mille a Parole & Musica onlus
  • biglietto 5 per mille2
  • Per destinare il 5 per mille a Parole & Musica onlus è sufficiente indicare il codice fiscale 92017360014 e apporre la firma nell'apposito riquadro del 730, CUD o modello unico.