facebooktwitter

nonsolocontro2017

7343695 Visualizzazioni

torino portici

 

 Progetto per valorizzare un simbolo della città

L’obiettivo? Una lunga esposizione di opere d’arte che attraverserà il centro

Federica Carla Crovella

Se c’è una cosa che resta nella memoria - e negli occhi - quando si lascia Torino sono i suoi portici e le sue arcate. Oggi, all’inizio della famigerata Fase 2, la città vuole rivalorizzarli, con un progetto di Fondazione Contrada Torino Onlus sostenuto da IREN, denominato RispettiAmo i Portici di Torino.

«In questo momento di ripartenza – ha detto la Sindaca Chiara Appendino – riavere i nostri portici ripuliti e a disposizione per i cittadini e i commercianti, sia per attività all’aperto, sia per la possibilità di utilizzare lo spazio pubblico antistante, è fondamentale e restituisce bellezza alla nostra città. Sono grata a Iren per il supporto e a Fondazione Contrada per la professionalità dell’intervento».

Anche la manutenzione e la valorizzazione dei portici di Torino sono suddivise per fasi. A dicembre erano partiti i lavori in Via Po e adesso proseguiranno su Via Sacchi, Cernaia e Nizza, seguendo un iter che si estenderà progressivamente arcata dopo arcata.

torino portici2

 L’obiettivo è restituire ai portici del nostro centro storico la giusta importanza culturale, economica e sociale.

La seconda fase del progetto, coinvolgendo anche vari attori, tra cui commercianti e partner che vorranno prendere parte al progetto, mirerà a una manutenzione continuativa ordinaria; la gestione del progetto sarà a cura dalla Soprintendenza all'Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Città Metropolitana di Torino, cui compete la tutela dell'intero sistema. 

 La terza e ultima fase prevederà vari eventi di arte e cultura mirati alla valorizzazione dei portici Torinesi come “galleria a cielo aperto”. Il risultato a cui si auspica è una lunga esposizione sotto le nostre bellissime arcate di quadri, dipinti e graffiti realizzati da writers e artisti in accordo con commercianti, residenti e ovviamente il settore della cultura torinese.

marco giusta

Ecco come l’assessore ai Beni comuni Marco Giusta ha illustrato il progetto:

«Dopo la positiva sperimentazione avviata su via Po su impulso dell'associazione commercianti, grazie al sostegno di IREN abbiamo potuto continuare nel progetto di riqualificazione dei portici torinesi, allargando il campo di azione. A questa prima fase, che vedrà la pulizia e sistemazione delle arcate seguiranno altre legate alla creazione di una "galleria a cielo aperto" con la valorizzazione delle esperienze della creatività del territorio che hanno respiro internazionale, e alla implementazione di un modello sistematico di pulizia - che ricordo è normalmente a carico dei proprietari degli immobili - tramite una riduzione dei costi pro capite grazie ad azioni di sistema. Sono convinto che il grande patrimonio di arte pubblica che abbiamo a Torino possa e debba essere valorizzato facendo tesoro delle esperienze passate (da Murarte a Picturin per arrivare a Towards) costruendo una cornice comune in tema di comunicazione e possibilità di fruizione»

sostienicinew4


Cerca nel giornale

 


 

Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro                                                                                                        

SPORT

Gli esperti

Image Mercoledì, 24 Febbraio 2021
L'osso di pelle per cani: pericoloso e tossico

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com