facebooktwitter

nonsolocontro2017

7667195 Visualizzazioni

Torino Pride1

 Il più grande incontro del network internazionale

L'associazione che riunisce le principali realtà europee e organizza gli EuroPride

Chiara Mingrone

Con il 64% dei voti, Torino ha battuto la concorrente Lisbona ed  è stata scelta come sede per ospitare l'assemblea generale dei Pride europei, Epoa (European Pride Organisers Association) nel 2021. È la prima volta che l’evento si svolge in Italia, dato che le precedenti edizioni erano state ad Amsterdam, Londra e Berlino.

La vittoria è stata annunciata domenica scorsa durante un meeting online dove il comitato torinese ha esposto il proprio dossier. All’evento hanno preso parte Alessandro Battaglia, coordinare del Pride Torino, Silvia Magino ed è anche intervenuta la sindaca Chiara Appendino.

Entusiasmo è stato espresso sia dagli organizzatori del Pride torinese ma anche da altre città italiane, tra cui Milano, Roma e Perugia, che hanno supportato la candidatura del capoluogo subalpino.

«Questa è una vittoria per tutte e tutti coloro che si battono in Italia per costruire una società più giusta ed equa» hanno commentato i coordinatori Alessandro Battaglia e Giziana Vetrano e, anche la sindaca Appendino, ha espresso la propria soddisfazione per la vittoria rilasciando un video messaggio sul suo profilo Facebook «Ospitare l’Assemblea Generale di Epoa vuol dire anche mettere una nuova luce su Torino cui guarderà tutta l’Europa. E, lo spero fortemente, sarà un’ulteriore spinta affinché la legislazione in tal senso proceda il prima possibile, a iniziare dalla legge contro l’omotransfobia e la misoginia che verrà discussa a breve alla Camera».

Torino ha un lungo e consolidato rapporto con le proprie comunità omosessuali e in un periodo in cui da una parte in Parlamento si considera una legge contro l’omotrasfobia “liberticida” e dall’altra  ci sono giovani discriminati, se non uccisi per il loro orientamento sessuale - come Maria Paola speronata ed uccisa dal fratello che non accettava la sua relazione con un ragazzo trans - sembra sicuramente una vittoria in controtendenza che dimostra come - dichiarazioni infelici e Family Day a parte - il capoluogo piemontese, e l’Italia in generale, sappiano essere ancora baluardi di libertà e accoglienza.


Cerca nel giornale

 CLICCA SUL BANNER E VEDI

pub esposito caselle


 

Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro                                                                                                        

Gli esperti

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com