facebooktwitter

nonsolocontro2017

7331378 Visualizzazioni

piazza vittorio ristorante

 Epat Torino lancia l'allarme

 Con l'orario ridotto, a novembre, si rischia di arrivare a mancati incassi fino a 9mila euro

Fabio Farag

Si chiude in negativo il bilancio frutto di una indagine su 350 operatori (tra bar, ristoranti, pasticcerie e gelaterie) svolta dall’Epat nella prima settimana di lockdown serale.

L’indagine mostra come in Torino e provincia si rilevi una perdita tra il 75 e il 100% dei ricavi sulla settima precedente. Secondo le stime, per il 2020 le perdite ammonteranno a un miliardo e 100 milioni di euro, mentre per il Piemonte la perdita si stima una perdita di un miliardo e 700 milioni.  

  «È una perdita consistente – commenta il presidente Epat Torino Piemonte, Alessandro Mautino, - che si auspica non debba esser reiterata nel mese di Dicembre dove assumerebbe entità ancora più consistente ed esponenziale per le mancanze di ricavi del periodo natalizio, normalmente al centro dei consumi annuali per gli esercizi delle nostre categorie».

Solo per il mese di novembre, la chiusura alle 18 porterà a un ulteriore deficit di 101 milioni di euro a Torino e 191 milioni sulla regione. La perdita media per ogni azienda è stimata in circa 9mila euro.

bar chiusi

Secondo Claudio Ferraro, il direttore Epat Torino e Provincia:

«il sacrificio richiesto alle aziende del settore con i suoi numeri impietosi lascia attoniti e la speranza e che il sacrificio, tra l'altro solo di alcune categorie, serva ad un efficace lotta al contagio. I ristori, come atto dovuto, contribuiranno a permettere alle aziende di superare il mese di novembre solo se erogati subito, anche perché la loro entità non supererà il 50% della perdita effettivamente subita»

Nel frattempo, dal fronte sanitario, l’Ordine dei Medici di Torino continua a chiedere un lockdown immediato, “un provvedimento drastico ma assolutamente necessario, dopo le numerosissime richieste e segnalazioni ricevute nelle ultime ore da medici ospedalieri e di medicina generale”.

«Siamo consapevoli che il provvedimento causa enormi disagi - sostiene il presidente dell’Ordine Guido Giustetto - ma è in gioco la stessa tenuta del sistema sanitario»

Foto: Ansa.it


Cerca nel giornale

 


 

Clicca sull'immagine per fare una donazione tramite paypal o carta di credito

donazione nonsolocontro                                                                                                        

SPORT

Gli esperti

Image Mercoledì, 24 Febbraio 2021
L'osso di pelle per cani: pericoloso e tossico

SCIENZA

COLLEZIONISMO

 

A CURA DI:

  • Associazione culturale NonSoloConto
    Associazione culturale NonSoloConto

  • Registrazione n. 2949 del 31/01/2020 rilasciata dal Tribunale di Torino
    Direttore responsabile: Nadia Bergamini
  • Per la tua pubblicità: Cristiano Cravero Agente Pubblicitario NonSoloContro
    Cell. 3667072703
    Mail: nsc.pubblicita@gmail.com